Skip to main content


Ultime news da "Crisi climatica e adattamento"

11 Lug, 2024
Ma le foreste naturali stoccano nel lungo periodo più carbonio di quelle piantate
Le foreste di mangrovie sono un vero e proprio tesoro climatico: immagazzinano più carbonio per ettaro di qualsiasi altro habitat naturale. Eppure negli ultimi 50 anni è scomparso circa il 35% delle foreste di mangrovie del mondo a causa del disboscamento, dello sviluppo agricolo urbano e delle tempeste estreme causate dal cambiamento climatico. Ma lo studio “Four decades of data indicate that planted mangroves stored up to 75% of the carbon stocks found in intact mature stands”, pubblicato su Science Advances da un team internazionale di 24 ricercatori guidato da Carine Bourgeois dell’Ins...

10 Lug, 2024
Il caso della tempesta Alex che ha colpito le Alpi Marittime il 2 ottobre 2020
Lo studio “Interplay between fluid intrusion and aseismic stress perturbations in the onset of earthquake swarms following the 2020 Alex extreme rainstorm”, pubblicato su Earth and Space Science da un team di ricercatori dell'Université Côte d’Azur et dell’Université de Reims Champagne-Ardenne, evidenzia «Un'interazione tra fluidi e scorrimento sismico nell'innesco e nel mantenimento dell'attività sismica a seguito di un fenomeno meteorologico estremo». Si tratta della tempesta Alex  che il  2 ottobre 2020 colpì il dipartimento Alpes Maritimes, nel sud-est della Francia, con &nb...

9 Lug, 2024
Wmo: l'emisfero settentrionale vedrà un caldo più estremo. Le temperature del mare sono motivo di grande preoccupazione per gli ecosistemi marini
La guerra di Israele a Gaza e in Cisgiordania ormai tracimata in Libano sta facendo passare sotto silenzio altri gravi problemi  di Israele, a partire dal riscaldamento globale che sta colpendo pesantemente tutto il Medio Oriente ma il Servizio Meteorologico Israeliano avverte che «Il giugno 2024 è stato estremamente caldo in Israele e si classifica come il giugno più caldo mai registrato. La temperatura media giornaliera è stata di 3 - 4° C superiore alla media (1991-2020), rendendolo il giugno più caldo nella serie nazionale di misurazioni della temperatura dal 1950. È stata più di 1...

9 Lug, 2024
Nuove scoperte mettono in discussione le convinzioni sul ruolo dell'oceano nello stoccaggio del carbonio
Con l'avanzare del cambiamento climatico, si prevede che IL ribaltamento della circolazione oceanica si indebolirà notevolmente e che così l'oceano estrarrà meno anidride carbonica dall'atmosfera. Ma una circolazione più lenta dovrebbe anche dragare meno carbonio dalle profondità dell'oceano che altrimenti verrebbe rilasciato nell'atmosfera. Nel complesso, l'oceano dovrebbe mantenere il suo ruolo nella riduzione delle emissioni di carbonio dall'atmosfera, anche se a un ritmo più lento. Però, il nuovo studio “Ocean iron cycle feedbacks decouple atmospheric CO2 from meridional overturning ci...

8 Lug, 2024
«Danni economici per oltre 41 miliardi di dollari solo nei primi mesi dell'anno, mentre le multinazionali dell’oil&gas fanno profitti per 2,8 miliardi di dollari al giorno»
Secondo i nuovi dati messi in fila da Copernicus, quello del 2024 è stato il giugno più caldo mai registrato, segnando il 13° mese consecutivo di temperatura globale record, con drammatiche ripercussioni sui territori. «Dalla Cina all'India, dalla Grecia all'Italia, dall'Arabia Saudita alla Giamaica e agli Stati Uniti, eventi climatici estremi come alluvioni, incendi e ondate di calore hanno distrutto case, mietuto vittime e causato danni economici per oltre 41 miliardi di dollari solo nei primi mesi dell'anno. Tutto ciò accade mentre le multinazionali dell’oil&gas fanno enormi profitt...

5 Lug, 2024
Il rapporto “Mare caldo” presentato in occasione della giornata del Mar Mediterraneo
Secondo i dati emersi dalla “Relazione del quarto anno di Progetto Mare Caldo (2022-2023) -  Monitoraggio degli effetti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi marini bentonici di scogliera” pubblicato dal Dipartimento di scienze della terra, dell’ambiente e della vita (DiSTAV) dell’università di Genova. Greenpeace Italia ed Elbatech, »I nostri mari stanno subendo profonde trasformazioni per gli effetti, sempre più evidenti, del cambiamento climatico e delle anomalie termiche. Le gorgonie mostrano sempre più segni di mortalità, mentre si diffondono le specie termofile come il famig...

5 Lug, 2024
Il conflitto ai confini di Libano e Israele impedisce di spegnere gli incendi causati dal lancio di razzi
Come rappresaglia per l’esecuzione di uno dei suoi leader da parte dell’esercito israeliano il movimento politico e armato sciita libanese di Hezbollah  ha lanciato  200 razzi e uno sciame di droni carichi di esplosivo contro diverse basi militari nel nord di Israele, il più grande attacco contro il Paese ebraico dopo l'escalation delle ostilità nella Striscia di Gaza iniziata il 7 ottobre. Gli scambi di razzi hanno provocato diversi incendi anche in molte località della Galilea e nelle alture del Golan, un territorio siriano occupato e annesso da Israele da decenni. L...

4 Lug, 2024
D’Adda: «Quando le persone sanno che acquisire certe informazioni le farà sentire obbligate ad adottare cambiamenti comportamentali costosi, preferiscono evitare»
Mentre la crisi climatica avanza veloce, con sempre più frequenti ondate di calore, solo l’1% degli italiani più poveri ha accesso all’aria condizionata, uno strumento di difesa che al contempo alimenta un circolo vizioso: usare le fonti fossili che ancora dominano la produzione di elettricità alimenta il riscaldamento globale, che a sua volta accelera la domanda di raffrescamento. Realtà come questa sono però spesso difficili da accettare, tanto da poter innescare una risposta di evitamento, come emerge da un nuovo studio – finanziato dal Cmcc attraverso il progetto Cobham dell’...