Nuovo documento politico dell'Oms mette in evidenza le azioni che possono mettere in campo i Paesi del mondo

Perché la salute mentale è una priorità per l’azione climatica

«L'impatto del cambiamento climatico sta aggravando la situazione già estremamente difficile per i servizi di salute mentale e di salute mentale a livello globale»

[3 Giugno 2022]

L’Organizzazione mondiale della sanità a ha presentato alla Stockholm+50 conference il policy briefing  “Mental health and Climate Change” dal quale emerge che «il cambiamento climatico pone seri rischi per la salute mentale e il benessere, risultati che concordano con un recente rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), pubblicato nel febbraio di quest’anno e che ha rivelato che il rapido aumento del cambiamento climatico rappresenta una minaccia crescente per la salute mentale e il benessere psicosociale con conseguenze che vanno dallo stress emotivo all’ansia, depressione, dolore e comportamento suicida».

La Stockholm+50 conference celebra il 50esimo anniversario dell’United Nations  Conference on the Human Environment che si tenne nel 1972 nella capitale svedese, e riconosce l’importanza dei determinanti ambientali per la salute fisica e mentale. L’Oms definisce la salute mentale come «uno stato di benessere in cui ogni individuo realizza il proprio potenziale, può far fronte agli stress della vita, può lavorare in modo produttivo e fruttuoso ed è in grado di dare un contributo alla propria comunità» e definisce la salute mentale e il supporto psicosociale (Mhpps) come «qualsiasi tipo di supporto locale o esterno che mira a proteggere o promuovere il benessere psicosociale e/o prevenire o curare i disturbi mentali».

Maria Neira, direttrice del  Dipartimento di ambiente, cambiamenti climatici e salute dell’Oms, ha sottolineato che «gli impatti dei cambiamenti climatici fanno sempre più parte della nostra vita quotidiana, e c’è pochissimo supporto dedicato alla salute mentale disponibile per le persone e le comunità che si occupano di rischi legati al clima e rischi a lungo termine».

Dal policy briefing Oms arriva la conferma che «gli impatti sulla salute mentale dei cambiamenti climatici sono distribuiti in modo diseguale con alcuni gruppi colpiti in modo sproporzionato a seconda di fattori quali lo stato socioeconomico, il sesso e l’età. Tuttavia, è chiaro che il cambiamento climatico colpisce molti dei determinanti sociali che stanno già portando a enormi oneri per la salute mentale a livello globale».

Il “2021 WHO Health and Climate Change Survey Report” aveva già rilevato che solo 9 dei 95 Paesi presi in esame avevano incluso la salute mentale e il supporto psicosociale nei loro piani nazionali per la salute e il cambiamento climatico. E secondo Dévora  Kestel, direttrice del Dipartimento salute mentale e abuso di sostanze dell’Oms, «l’impatto del cambiamento climatico sta aggravando la situazione già estremamente difficile per i servizi di salute mentale e di salute mentale a livello globale. Ci sono quasi 1 miliardo di persone che vivono con condizioni di problemi di salute mentale, ma nei Paesi a basso e medio reddito, 3 su 4 non hanno accesso ai servizi necessari. Accrescendo la salute mentale e il supporto psicosociale nell’ambito della riduzione del rischio di catastrofi e dell’azione climatica, i Paesi possono fare di più per aiutare a proteggere le persone più a rischio».

Il nuovo documento dell’Oms raccomanda ai governi di attuare 5 importanti approcci per affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici sulla salute mentale: integrare le considerazioni sul clima con i programmi di salute mentale; integrare il sostegno alla salute mentale con l’azione climatica; costruire su impegni globali; sviluppare approcci basati sulla comunità per ridurre le vulnerabilità; colmare il grande gap di finanziamento esistente per la salute mentale e il supporto psicosociale.

Diarmid Campbell-Lendrum, responsabile clima dell’Oms e uno dei principali autori del rapporto Ipcc, evidenzia che «gli Stati membri dell’Oms hanno chiarito che per loro la salute mentale è una priorità. Stiamo lavorando a stretto contatto con i Paesi per proteggere la salute fisica e mentale delle persone dalle minacce climatiche».

Ci sono anche alcuni buoni esempi di come riuscirci, come nelle Filippine, che hanno ricostruito e migliorato i loro servizi di salute mentale dopo l’impatto del tifone Haiyan del 2013, o nell’India, dove un progetto nazionale ha aumentato la riduzione del rischio di catastrofi nel Paese preparando al contempo le città a rispondere ai rischi climatici e ad affrontare i problemi di salute mentale e le esigenze psicosociali.