A Milano inverno più caldo della norma e con solo 7 giorni di pioggia

Temperatura di 1,3° C sopra la media. Il secondo febbraio più caldo dal 1898. 39 giorni consecutivi senza pioggia

[7 Marzo 2022]

Secondo le rilevazioni della Fondazione OMD – Osservatorio Meteorologico Milano Duomo, a Milano nell’inverno che sta per finire ci sono stati «Solo 7 giorni di pioggia (in cui cioè è caduto almeno 1 mm di precipitazione) contro i 17 del CLINO di riferimento 1991-2020*, e ben 39 giorni consecutivi senza precipitazioni tra gli inizi di gennaio e la metà di febbraio» Da quanto risulta dai dati  della stazione meteorologica di Milano centro (presso la sede centrale dell’Università degli Studi di Milano),«L’inverno meteorologico a Milano è stato decisamente siccitoso. La stagione compresa tra il 1° dicembre 2021 e il 28 febbraio 2022 è risultata anche più calda della norma, con una temperatura media di 6.5° C superiore di 1.3° C al valore tipico del periodo.

Fondazione OMD, conferma che «Il trimestre appena concluso è stato infatti interessato da un esiguo transito di perturbazioni e dal prevalere di situazioni di alta pressione accompagnate da inversioni termiche con nebbie e foschie persistenti, come accaduto per esempio nei primi giorni della terza decade di gennaio. Numerosi sono stati inoltre gli episodi di forti venti di föhn: il 7 febbraio, in particolare, la stazione di Milano Centro ha fatto registrare raffiche prossime ai 75 km/h e quella di Città Studi addirittura di 95 km/h».

Per quanto riguarda i singoli mesi, gennaio e in particolare febbraio sono stati più caldi della norma: «Il primo ha chiuso con una temperatura media di 5.3° C, contro i 4.3 °C del CLINO 1991-2020; il secondo, con un valore medio di 9.4° C superiore di ben 3.1° C a quello di riferimento, è risultato il secondo febbraio più caldo dal 1898 a oggi dopo quello dell’inverno 2019-2020. Dicembre ha invece chiuso con una temperatura media inferiore di un decimo al CLINO 1991-2020, pari a 4.9° C, ma superiore di un grado ai 3.8° C del periodo 1961-1990 che viene utilizzato dagli esperti come riferimento per gli studi sui cambiamenti climatico: un dato che conferma quindi la tendenza degli ultimi anni a un netto aumento delle temperature nella città di Milano».

La minima più bassa (-1.1° C) è stata rilevata l’11 dicembre, mentre il 18 dicembre è stata registrata la massima più bassa (3.2 °C). Fondazione OMD – Osservatorio Meteorologico Milano Duomo fa notare che «Iin tutto l’inverno non vi sono quindi stati giorni di ghiaccio (cioè con temperatura massima inferiore allo zero), mentre sono state 4 a dicembre e 4 a gennaio le giornate con minima negativa, cosiddette “di gelo”. Si tratta di un numero di episodi decisamente inferiore a quello del CLINO 1991-2020, che stima una media di 16.5 giorni di gelo in media nel corso di inverno. La temperatura più elevata, 19.3° C, è stata registrata invece il 2 febbraio, durante uno dei tanti episodi di föhn che hanno caratterizzato questo inverno».

Per quanto riguarda le precipitazioni, si sono verificati anche due episodi nevosi: il più significativo, quello dell’8 dicembre, ha fatto registrare un accumulo di 2 cm nella tarda mattinata e fenomeni anche nel pomeriggio, in un alternarsi di pioggia e neve. Pioggia mista a neve senza accumulo si è avuta poi due giorni dopo insieme a un rovescio di graupel, precipitazione solida costituita da granelli di ghiaccio bianchi e opachi in prevalenza sferici, caratterizzati da una struttura facilmente comprimibile che li porta a sbriciolarsi nel loro impatto con il suolo».