Inequality Inc, il decennio della divisione. Per eradicare la povertà ci vorranno 230 anni

Le fortune dei 5 uomini più ricchi sono aumentate del 114% dal 2020 mentre 5 miliardi di persone sono diventate più povere

[16 Gennaio 2024]

In occasione dell’inizio del World Economic Forum che riunisce a Davos le élite imprenditoriali e politiche, Oxfam ha pubblicato il rapporto “Inequality Inc.” nel quale rivela che «Dal 2020,  I cinque uomini più ricchi del mondo hanno più che raddoppiato le loro fortune, passando da 405 miliardi di dollari a 869 miliardi di dollari, a un ritmo di 14 milioni di dollari l’ora». Nello stesso periodo, i 5 miliardari più ricchi dell’Unione europea hanno aumentato la loro ricchezza del 76%, da 244 miliardi di euro a 429 miliardi, al ritmo di 5,7 milioni di euro l’ora. Intanto, quasi 5 miliardi di persone sono diventate più povere..

Il rapporto Oxfam sulla disuguaglianza e il potere delle multinazionali a livello globale prevede che «I trend attuali continuano, il mondo avrà il suo primo trilionario entro un decennio, ma ci vorranno 229 (quasi 230) anni per garantire che il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà fissata dalla Banca Mondiale a 6,85 dollari venga ridotto a zero«.

7 su 10 delle più grandi corporations del mondo hanno un miliardario come amministratore delegato o principale azionista e valgono 10,2 trilioni di dollari, più del PIL di tutti i Paesi dell’Africa e dell’America Latina messi insieme. Secondo il World Economic Outlook Database del Fondo monetario internazionale,  il PIL combinato delle economie africane nel 2023 è di 2.867 miliardi di dollari, mentre quello dei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi è di 6.517 miliardi di dollari, per un totale di 9,4 trilioni di dollari

Il direttore esecutivo ad interim di Oxfam International, Amitabh Behar, ha commentato: «Stiamo assistendo all’inizio di un decennio di divisione, con miliardi di persone che si fanno carico delle onde d’urto economiche della pandemia, dell’inflazione e della guerra, mentre le fortune dei miliardari crescono. Questa disuguaglianza non è casuale; la classe dei miliardari si assicura che le corporations forniscano loro più ricchezza a spese di tutti gli altri. Il rampante potere corporativo e monopolistico è una macchina che genera disuguaglianza: spremendo i lavoratori, eludendo le tasse, privatizzando lo Stato e stimolando il collasso climatico, le corporations stanno incanalando ricchezza infinita verso i loro proprietari ultra-ricchi. Ma stanno anche incanalando il potere, minando le nostre democrazie e i nostri diritti. Nessuna impresa o individuo dovrebbe avere così tanto potere sulle nostre economie e sulle nostre vite: per essere chiari, nessuno dovrebbe avere un miliardo di dollari».

Ma il rapporto dimostra che l’impennata della ricchezza estrema degli ultimi tre anni si è consolidata, mentre la povertà globale rimane impantanata ai livelli pre-pandemia: «I miliardari sono 3,3 trilioni di dollari più ricchi rispetto al 2020 e la loro ricchezza è cresciuta tre volte più velocemente del tasso di inflazione» e che «Nonostante rappresentino solo il 21% della popolazione mondiale, i Paesi ricchi del Nord del mondo possiedono il 69% della ricchezza globale e ospitano il 74% della ricchezza miliardaria mondiale. La proprietà azionaria avvantaggia in modo schiacciante i più ricchi. L’1% più ricco possiede il 43% di tutte le attività finanziarie globali. Detengono il 48% della ricchezza finanziaria in Medio Oriente, il 50% in Asia e il 47% in Europa».

Rispecchiando le fortune dei super-ricchi, nel 2023 le grandi corporations hanno frantumato il record dei loro profitti annuali: insieme, fino a giugno 2023, in un anno 148 delle più grandi corporations del mondo hanno raccolto 1,8 trilioni di dollari di profitti netti totali, un aumento del 52% rispetto a utile netto medio nel periodo 2018-2021. I loro profitti straordinari sono saliti a quasi 700 miliardi di dollari. Il rapporto rileva che «Per ogni 100 dollari di profitto realizzati da 96 grandi corporations tra luglio 2022 e giugno 2023, 82 dollari sono stati pagati ai ricchi azionisti».

Il secondo uomo più ricco del mondo, Bernard Arnault mondo, presiede l’impero dei beni di lusso LVMH, che è stato multato dall’organismo antitrust francese, e anche il più grande media francese, Les Échos , così come Le Parisien.  Aliko Dangote, la persona più ricca dell’Africa, detiene un “quasi monopolio” sul cemento in Nigeria. L’espansione del suo impero nel settore petrolifero ha sollevato preoccupazioni circa un nuovo monopolio privato. Il patrimonio di Jeff Bezos, pari a 167,4 miliardi di dollari, è aumentato di 32,7 miliardi di dollari dall’inizio del decennio. Il governo Usa ha citato in giudizio Amazon per aver esercitato il suo “potere monopolistico” per aumentare i prezzi, peggiorare il servizio per gli acquirenti e soffocare la concorrenza.

Presentando il rapporto, Behar ha denunciato che «I monopoli danneggiano l’innovazione e schiacciano i lavoratori e le piccole imprese. Il mondo non ha dimenticato come i monopoli farmaceutici abbiano privato milioni di persone dei vaccini contro il Covid-19, creando un apartheid razzista e creando al tempo stesso un nuovo club di miliardari».

E mentre i super-ricchi diventano sempre più ricchi, in tutto il mondo le persone lavorano di più e per orari più lunghi, spesso per salari miseri in posti di lavoro precari e non sicuri. Il rapporto dimostra che «Negli ultimi due anni I salari di quasi 800 milioni di lavoratori non sono riusciti a tenere il passo con l’inflazione e hanno perso 1,5 trilioni di dollari, l’equivalente di quasi un mese (25 giorni) di salario perso per ciascun lavoratore».

Una nuova analisi di Oxfam sui dati della World Benchmarking Alliance su oltre 1.600 tra le più grandi corporationsdi tutto il mondo dimostra che solo «Lo 0,4% di esse si impegna pubblicamente a pagare ai lavoratori un salario dignitoso e a sostenere un salario dignitoso nelle loro catene del valore. Ci vorrebbero 1.200 anni perché una donna che lavora nel settore sanitario e sociale guadagni quanto guadagna in un anno il CEO medio delle 100 Fortune companies».

Il rapporto di Oxfam dimostra anche come «La “guerra alla tassazione” da parte delle multinazionali abbia visto l’aliquota effettiva dell’imposta sulle società diminuire di circa un terzo negli ultimi decenni, mentre le multinazionali hanno incessantemente privatizzato il settore pubblico e si sono appropriate di servizi come l’istruzione e l’acqua.

Nonostante rappresenti meno del 6% della popolazione mondiale, l’Ue ospita il 15% dei miliardari mondiali e il 16% della ricchezza miliardaria globale. Dal 2020, i miliardari nell’Ue hanno aumentato la loro ricchezza accumulata di un terzo, raggiungendo l’anno scorso 1.900 miliardi di euro. Un’imposta patrimoniale progressiva sui multimilionari e miliardari dell’Ue compresa tra il 2 e il 5% potrebbe raccogliere 286,5 miliardi di euro ogni anno. Questo potrebbe coprire il 40% del fondo di ripresa dell’Ue.

Chiara Putaturo, esperta fiscale Ue di Oxfam, sottolinrea che «Letteralmente, ogni ora in cui i governi non agiscono vale milioni, e l’UE non fa eccezione. Una tassa patrimoniale europea è vitale per impedirci di cadere in una nuova era di supremazia miliardaria. Tassando equamente i più ricchi d’Europa, l’Ue possiede la chiave per iniziare a ridurre il divario tra loro e il resto di noi»

Behar  conclude: «Abbiamo le prove. Conosciamo la storia. Il potere pubblico può tenere a freno il potere sfrenato delle corporations e la disuguaglianza, modellando il mercato per renderlo più giusto e libero dal controllo miliardario. I governi devono intervenire per spezzare i monopoli, dare potere ai lavoratori, tassare questi enormi profitti aziendali e, soprattutto, investire in una nuova era di beni e servizi pubblici.  Ogni corporation ha la responsabilità di agire, ma pochissime lo sono. I governi devono farsi avanti. Ci sono azioni da cui i legislatori possono imparare, dalle anti-monopoly forces degli Usa che hanno fatto causa ad Amazon in un caso storico, alla Commissione europea che vuole che Google smantelli la sua attività di pubblicità online, e alla storica lotta dell’Africa per rimodellare le norme fiscali internazionali».

Oxfam chiede ai governi di ridurre rapidamente e radicalmente il gap tra i super-ricchi e il resto della società attraverso tre azini: <Rivitalizzare lo Stato. Uno Stato dinamico ed efficace è il miglior baluardo contro il potere estremo delle corporations. I governi dovrebbero garantire la fornitura universale di assistenza sanitaria e istruzione ed esplorare i beni forniti al pubblico e le opzioni pubbliche in settori che vanno dall’energia ai trasporti. Contenere il potere delle multinazionali, anche rompendo i monopoli e democratizzando le regole sui brevetti. Questo significa anche legiferare sui salari dignitosi, limitare la retribuzione degli amministratori delegati e nuove tasse sui super-ricchi e sulle società, comprese le tasse sulla ricchezza permanente e sui profitti in eccesso. Oxfam stima che un’imposta patrimoniale sui milionari e miliardari del mondo potrebbe generare 1,8 trilioni di dollari all’anno.  Reinventare il business. Le imprese competitive e redditizie non devono essere ostacolate dall’avidità degli azionisti. Le imprese di proprietà democratica riescono a pareggiare meglio i proventi delle imprese. Se solo il 10% delle imprese statunitensi fosse di proprietà dei dipendenti, questo potrebbe raddoppiare la quota di ricchezza della metà più povera della popolazione statunitense, compreso il raddoppio della ricchezza media delle famiglie nere».