Il Mite ha nominato il nuovo direttivo del Parco delle Foreste casentinesi

Gli otto nuovi eletti resteranno in carica per cinque anni, affiancando il presidente Santini

[18 Maggio 2022]

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha nominato – con decreto 179 dell’11 maggio scorso – gli otto membri che compongono il nuovo consiglio direttivo del Parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna.

A comunicare i nuovi eletti è direttamente l’Ente parco: so tratta do Anna Maria Maggiore, in rappresentanza del ministero della Transizione ecologica (Mite); Claudio D’Amico, indicato dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf); Daniele Zavalloni, selezionato dalle associazioni ambientaliste; Serena d’Ambrogi, individuata in seno all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra); Tommaso Cuoretti, Claudia Mazzoli, Luciano Neri e Simona Vietina, estrinsecazione degli orientamenti delle amministrazioni con competenza amministrativa nei confini dell’area protetta (Comunità del Parco).

Il consiglio direttivo resterà in carica cinque anni a decorrere dal decreto di nomina, affiancando così il presidente del Parco Luca Santini, al suo secondo mandato per effetto del decreto ministeriale dell’8 ottobre 2019 n. 293: il direttivo, ai sensi della legge 394/1991, delibera in merito a tutte le questioni generali ed in particolare sui bilanci, sui regolamenti e sulla proposta di piano per il Parco. Esprime inoltre parere vincolante sul piano pluriennale economico e sociale ed elabora lo statuto dell’Ente.

«Non posso che ringraziare i ministeri, le istituzioni scientifiche, le amministrazioni locali e le associazioni di tutela ambientale per l’altissimo livello espresso con queste nomine – commenta Santini – Si tratta delle migliori premesse per sviluppare sinergie in grado di dare forma sempre più compiuta ad un progetto di conservazione e valorizzazione e garantire sviluppo e benessere a territori dal valore unico».