Gli albatros erranti riescono a tracciare la rotta attraverso l’oceano grazie agli infrasuoni? (VIDEO)

Una scoperta realizzata grazie ai dati del rilevamento dei test nucleari

[12 Febbraio 2024]

Secondo o studio “Albatross movement suggests sensitivity to infrasound cues at sea”, pubblicato recentemente su PNAS da un team internazionale di ricercatori guidato da Natasha Gillies della  School of Environmental Sciences dell’Università di Liverpool, «Gli albatros erranti (Diomedea exulans)  vulnerabili tracciati tramite GPS   in mare che si muovono preferenzialmente verso regioni di infrasuoni “rumorosi”».

Come spiega su The Conversation un’altra delle autrici dello studio a capo del team di ricerca, Samantha Patrick, anche lei della  School of Environmental Sciences dell’Università di Liverpool, «Gli animali percorrono distanze sorprendenti quando cercano cibo. Mentre caribù, renne e lupi percorrono chilometri sulla terraferma, gli uccelli marini non hanno rivali in termini di distanze di viaggio. Le sterne artiche viaggiano dall’Artico all’Antartide e ritorno come parte della loro migrazione annuale. Gli albatros erranti (Diomedea exulans) volano l’equivalente di 10 volte sulla Luna e ritorno nel corso della loro vita. Sono state condotte molte ricerche su come gli uccelli marini scelgono le loro rotte di volo e trovano il cibo. Sembra che usino la vista o l’olfatto per valutare le condizioni locali. Ma gli albatros erranti possono percorrere più di 10.000 km in un singolo viaggio di foraggiamento, e non sappiamo molto su come questi uccelli utilizzino segnali a medio e lungo raggio dal loro ambiente per decidere dove andare».

Per la prima volta, lo studio pubblicato su PNAS fornisce una visione di come gli uccelli come gli albatros erranti possono utilizzare il suono per determinare quali sono le condizioni più lontane.

La Patrick spiega come gli uccelli marini utilizzano il suono a bassa frequenza:  « Lo studio ci ha permesso di isolare dati che dimostravano come questi albatros sembravano prendere decisioni su dove andare dopo. I nostri risultati hanno mostrato che hanno scelto la direzione con gli infrasuoni più forti. Questo suggerisce che gli uccelli potrebbero utilizzare gli infrasuoni per trovare cibo o per ridurre al minimo l’energia utilizzata durante i loro viaggi. Tuttavia, non siamo in grado di dire con certezza perché le aree più rumorose siano migliori. I nostri risultati potrebbero anche fornire agli scienziati informazioni su come gli altri uccelli prendono decisioni sui viaggi a media e lunga distanza»

I ricercatori evidenziano che «Precedenti ricerche hanno dimostrato che gli uccelli marini non solo cercano informazioni su dove trovare cibo, ma anche su come farlo in modo efficiente. Abbiamo scoperto che il modo in cui gli albatros erranti usano il loro senso del suono può essere cruciale. Il nostro studio ha esaminato come questi uccelli rispondono a un tipo di suono a frequenza molto bassa chiamato infrasuoni, che può viaggiare per migliaia di chilometri. Sebbene in genere siano impercettibili per gli esseri umani, sappiamo che alcuni animali possono sentire gli infrasuoni. Quando le onde si infrangono tra loro o contro le coste, creano una frequenza di infrasuoni chiamata microbarum. Questo è stato il tipo di infrasuoni esaminato dal nostro studio. Sappiamo che le aree di attività ondosa elevata possono essere associate a upwellings, dove i pesci vengono portati in superficie. Gli infrasuoni potrebbero fornire informazioni su dove si trovano queste aree e indicare agli uccelli le zone buone per il foraggiamento».

Per le grandi specie di uccelli marini come l’albatro errante, che ha un’apertura alare di 3,5 metri, un foraggiamento efficiente è particolarmente importante: a differenza degli uccelli più piccoli come i pulcinella  di mare, che sbattono le ali fino a 400 volte al minuto, devono far affidamento sul vento per decollare e volare in modo efficiente. Onde alte  indicano anche forti venti. e la Patrick sottolinea: «Dato che sappiamo che gli albatros erranti dipendono dal vento per volare in modo efficiente, lo studio del mio team suggerisce che gli infrasuoni potrebbero fornire loro un segnale a lungo raggio su dove potrebbero essere le condizioni ottimali per il foraggiamento. Gli infrasuoni vengono generati anche quando le onde si infrangono contro le coste e sappiamo che molti uccelli marini costieri utilizzano la costa per scegliere le loro rotte di volo e ritrovare la strada per tornare alle loro colonie riproduttive. Pertanto, gli infrasuoni potrebbero rivelare la posizione di elementi statici come le coste, fornendo agli uccelli marini informazioni importanti su lunghe distanze».

Nonostante il potenziale di questo segnale per gli uccelli marini, lo studio pubblicato su PNAS è la prima prova che gli uccelli marini possono rispondere agli infrasuoni, che vengono monitorati a livello globale attraverso una rete di sensori installati dalla Comprehensive Nuclear-Test-Ban Treaty Organization (CTBTO) per rilevare test nucleari e che ha fornito come sottoprodotto enormi quantità di dati che gli scienziati possono utilizzare. Lo studio ha messo insieme le registrazioni del CTBTO con i dati di tracciamento GPS di 89 albatros erranti per confrontare i microbari e i movimenti degli uccelli.

La Patrick conclude: «I cambiamenti meteorologici causati dai cambiamenti climatici e gli effetti dannosi che questi stanno avendo sugli uccelli marini così come su molte altre piante e animali, sono ben documentati – rendendo loro più difficile trovare cibo, ad esempio. Poiché gli esseri umani alterano gli habitat oceanici, gli infrasuoni possono aiutare gli uccelli ad adattarsi aiutandoli a trovare cibo, anche se gli stock diminuiscono. Oppure l’attività umana, come un maggiore rumore, potrebbe mascherare questo tipo di informazioni essenziali, con conseguenze dannose per la fauna selvatica. In ogni caso, capire come e perché gli uccelli marini utilizzano gli infrasuoni aiuterà gli scienziati a comprenderne l’importanza nella crisi climatica».

Videogallery

  • Albatrosses Use Their Nostrils To Fly | Nature's Biggest Beasts | BBC Earth