Geopolitica

Il pesce di Bill Gates e la canna da pesca di Marc Zuckerberg

Che si tratti di vaccini o di tecnologie vitali, gli obiettivi di sviluppo non possono essere delegati ai miliardari

Si è consumata, nei giorni scorsi, una strana polemica tra due “eroi del dell’era informatica” che sono anche due tra gli uomini più ricchi del mondo: il giovane Marc Zuckerberg, fondatore di Facebook, e il meno giovane Bill Gates, fondatore di Microsoft. I poveri del mondo saranno salvati da una connessione a Internet, come sostiene...

Papa Francesco anti-fracking e per l’acqua pubblica: il pontefice sempre più ambientalista

Gli esponenti del Frente Unen confermano: «Sta preparando un’enciclica sull’ambiente»

Papa Francesco ne ha fatta un’altra delle sue: dopo aver incontrato un gruppo di attivisti argentini per discutere dei problemi del fracking nel suo Paese, si è fatto scattare fotografie con in mano t-shirt anti-fracking e per l’acqua pubblica. Sulle magliette esibite dal Papa slogan inequivocabili: "No al Fracking" e "El agua vale + que...

Gaza allagata dalle fogne: allarme umanitario nella Striscia assediata

La Striscia di Gaza, prigioniera del crudele embargo israeliano e isolata dalla nuova chiusura della frontiera con l’Egitto, vive la sua ennesima crisi umanitaria. Questa volta a mettere a rischio la salute e il benessere dei palestinesi non è un attacco israeliano ma un depuratore che serve 120.000  persone e che è andato in tilt...

Cambiamenti climatici, media e politica: i migranti non devono fare da capro espiatorio

Quasi un quarto di tutti i terreni utilizzabili sulla Terra è degradato, il che ha effetti sul sostentamento di oltre 1,2 miliardi di abitanti poveri dei villaggi, secondo un rapporto presentato in una recente conferenza dell’Onu sulla desertificazione. Si dice che la terra è degradata se ha una perdita a lungo termine di funzioni e produttività dovuta a...

La strana Cina delle riforme

In Cina, la terza sessione plenaria del 18esimo Comitato centrale del Partito comunista (Pcc) ha tirato fuori dal consunto cappello maoista una serie di riforme che «Mettono il Paese su un u nuovo punto di partenza del suo sviluppo» e che sembrano la risposta della nuova leadership cinese eletta dall’ultimo congresso del Pcc alla crescente...

Verso una nuova guerra del gas? L’Italia stretta tra la morsa di Ucraina e Libia

Kiev blocca quello russo. Debito enorme con Gazprom: la compagnia gasiera statale Naftogaz è già fallita?

Il quotidiano Ebc Daily ha annunciato che «La compagnia ucraina ha fermato l’acquisto di gas russo. L’Ucraina spera così di ottenere delle concessioni nei suoi negoziati con Gazprom ed invia un segnale all’Unione europea, contando sul suo aiuto nei colloqui con Mosca». Anche se gli esperti sono convinti che non ci sarà una nuova guerra...

Accordo Iran-Iaea: autorizzate le ispezioni alle installazioni nucleari

Gli ispettori Onu nella centrale ad acqua pesante di Arak e nelle miniere di uranio di Gchine

Nonostante l’insuccesso dei colloqui con il G5+1 (Cina, Francia, Gran Bretagna, Russia, Usa e Germania) il disgelo sul dossier nucleare iraniano continua: l'Iran e l’International atomic energy agency (Iaea) hanno formato a Teheran un accordo di cooperazione che permette all’agenzia nucleare dell’Onu di ispezionare più installazioni nucleari iraniane. Secondo una dichiarazione congiunta rilasciata da Ali-Akbar...

L’uragano dimenticato della Somalia: almeno 100 morti e centinaia di scomparsi

L’immane disastro del supertifone filippino ha fatto completamente sparire da giornali quello che nelle stesse ora accadeva in un Paese dimenticato: la Somalia, o meglio nelle regioni costiere di quello che oggi si chiama Puntland, uno Stato autonomo non riconosciuto dalla comunità internazionale e dal quale partono molti dei raid dei pirati somali ed il...

Anche l’Ue in corsa per le risorse del Myanmar

Nel Myanmar, la ex Birmania, non si può dire che il regime militare si sia trasformato in una democrazia compiuta e nel Paese continuano le vessazioni e gli attacchi degli integralisti buddisti contro la minoranza musulmana dei Rohingya mentre sono ripresi gli scontri tra l’esercito e  gli indipendentisti Shan ed altre milizie etniche. Ma secondo...

Competitività, Hahn: «Le regioni europee puntino sull’innovazione»

Intervenendo oggi a Bruxelles alla conferenza "Regions as motors of new growth through smart specialisation", il commissario Ue alla politica regionale, Johannes Hahn, ha posto l’attenzione sul miglioramento della competitività delle regioni attraverso investimenti dell’Ue ed una pianificazione mirata. Ma Hahn ha anche sollecitato le regioni ad identificare i loro principali asset e a concentrarci...

Colorado, sconfitta per fracking e armi: fallisce il referendum secessionista

Ma 5 Contee su 11 votano sì al nuovo Stato anti-ambientalista del North Colorado

Mentre gli occhi del mondo erano puntati sull’elezione del nuovo sindaco progressista di New York, in 11 Contee del Colorado si è tenuto un referendum non vincolante per decidere la secessione dal “Centennial State” e formare il 51esimo Stato Usa: il North Colorado. Ai secessionisti è andata male 6 contee hanno respinto la proposta, che...

De Blasio, a New York un sindaco “comunista”: «Togliere ai ricchi per dare ai poveri»

L'italo-americano stravince: «La gente di questa città ha scelto un percorso progressista»

Il candidato democratico italo-americano, multietnico e progressista ce l’ha fatta: Bill de Blasio è sindaco di New York, con una vittoria ancora più schiacciante di quanto annunciavano i sondaggi della vigilia. 73,3% dei voti contro un misero 24,3% del suo sfidante repubblicano, Joe Lhota che pure era appoggiato dai due sindaci precedenti: Rudolph Giuliani, del...

6.400 barili di uranio abbandonati in Libia. I russi temono che se ne impadronisca Al Qaeda

L'allarme al Consiglio di Sicurezza dell’Onu

La Russia ha chiesto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu di esaminare i pericoli posti da uno stock mal custodito di ossido di uranio nel deserto libico. «Ho parlato della questione con il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon e  gli ho chiesto di inviare una missione delle Nazioni Unite in Libia - ha dichiarato all’agenzia Inter-Tass l’ambasciatore...

L’Olanda si allea con Greenpeace: chiesto al tribunale internazionale il rilascio degli Artic30

In seguito all’udienza di oggi del Tribunale internazionale per il diritto marittimo (ITLOS), nel corso della quale l’Olanda ha chiesto il dissequestro della nave di Greenpeace Arctic Sunrise e il rilascio dell’equipaggio, Greenpeace ha commentato: «Il governo olandese ha discusso il proprio caso in modo estremamente fermo, sostenendo l’applicazione della legge e il diritto alla...

Rapporto Ipcc: col global warming più guerre e malattie (e niente crescita economica)

Il global warming esacerberà fame,  povertà, inondazioni, ondate di calore, siccità, guerre e malattie: a dirlo è una bozza di un rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) che doveva essere pubblicata a marzo ma che è stata fatta trapelare in anticipo ed è finita su un sito climate skeptic. Il rapporto Ipcc utilizza più...

Grecia, la crisi genera i suoi mostri

Oggi i funerali dei militanti del partito neonazista Alba dorata, uccisi venerdì

L'omicidio a sangue freddo di due giovani membri del partito neonazista Alba Dorata, avvenuto venerdì sera ad Atene, ha fatto salire alle stelle la tensione nel Paese. Come ampiamente riportato dai media, alcuni militanti di Alba Dorata si intrattenevano davanti alla sezione del partito a Néa Iráklio, un comune della Grande Atene, quando è sopraggiunta...

Siria: completata la distruzione delle armi chimiche, svolta? Presto per dirlo

Abbattuti anche gli impianti per produrle

La Joint Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons – United Nations Mission  ha confermato oggi che «Il governo della Siria ha completato la distruzione funzionale delle apparecchiature essenziali  per tutti i suoi impianti di produzione di armi chimiche dichiarate e degli impianti di  miscelazione/riempimento, rendendoli inutilizzabili. In questo modo, la Siria ha rispettato il termine...

Il fracking sbarca in Sudafrica e minaccia aree protette: multimiliardario sfida le Big Oil

La strana coalizione Anc-Shell alla conquista dell’elettorato povero nero con la promessa di 700.000 posti di lavoro

Il governo sudafricano dominato dall’African National Congress (Anc) ha dato il via libera alle multinazionali energetiche per avviare la fratturazione idraulica, il famigerato fracking, alla ricerca di gas di scisti. Uno dei territori nei quali dovrebbero partire le attività di fracking è il Karoo, una splendida area semidesertica ai confini del Kalahari che attrae artisti...

Pechino, esplosione in Piazza Tienanmen: è un attentato dei separatisti uiguri?

L’agenzia ufficiale cinese Xinhua è abbottonatissima sul misterioso episodio che ieri ha visto un’auto investire la folla e poi esplodere prendere fuoco nella piazza simbolo del potere comunista cinese:  Tienanmen, a Pechino, proprio davanti all’entrata del mausoleo di Mao Zedong. L’episodio sembra molto strano, visto che tra i 5 morti ci sono ben 3 occupanti...

Eritrea dopo Lampedusa: «Situazione disperatamente cupa»

Onu: «Aiutate i rifugiati in fuga»

Sheila B. Keetharuth, inviata speciale dell’Onu per la situazione in Eritrea, ha esortato  la comunità internazionale a concentrarsi sulla situazione dei diritti umani in Eritrea che «E’ estremamente preoccupante con  violazioni sempre più gravi commesse  e con un massimo di 3.000 persone che fuggono ogni mese, molti dei quali minori non accompagnati». Tra questi c’erano...

Il diluvio riunisce i due Sudan. Ma la guerra per il petrolio non cessa

400mila sud-sudanesi nel limbo di fango delle baraccopoli di Khartoum

Il Sud Sudan sta annegando in inondazioni estreme e, secondo l’Onu, almeno 156.000 persone erano in percolo già il 23 ottobre, con molte aree accessibili solo con gli elicotteri. 7 su 10 degli Stati che compongono il Paese più giovane del mondo, nato poco più di 2 anni fa dopo una guerra cinquantennale con il...

Crisi all’uranio in Groenlandia, si spacca la coalizione progressista

In Groenlandia da ieri si susseguono manifestazioni contro la decisione del governo di aprire miniere di uranio nell’isola semi-indipendente. Gli antinucleari hanno protestato a Nuuk, Ilulissat, Aasiaat, Kangaatsiaq, Qassiarsuk, Qaqortoqe Narsaq,  provocando una crisi della coalizione di governo a causa della contrarietà del  Partii Inuit alla fine della tolleranza zero contro le miniere di uranio....

Russia contro Greenpeace: l’Ue si schiera con gli ambientalisti

Sostegno di Commissione Ue e Parlamento europeo ai 30 dell’Arctic Sunrise

Anche l’Unione Europea ha espresso la sua preoccupazione per gli “Arctic 30”,  cioè i 28 attivisti di Greenpeace ed i due giornalisti freelance da un mese nelle carceri russe in attesa dell’esito delle indagini quando già, informa Greenpeace, «L’accusa da ieri non è più di “pirateria”, ma di “vandalismo” e potrebbe portare comunque fino a...

Anatomia della schiavitù moderna: nel mondo colpisce ancora 30 milioni di persone

In testa India, Cina e Pakistan, ma è la Mauritania il Paese con più schiavi

Più di 200 anni dopo che la schiavitù è stata dichiarata fuorilegge, 29,8 milioni di persone nel mondo sono ancora sottoposte a nuove e diverse forme di servitù. E’ quel che mostra il nuovo Global Slavery Index dell’Ong australiana Walk Free Foundation, che riguarda  162 Paesi. Sono Haiti, India, Nepal, Mauritania e Pakistan gli Stati...

Joele, muore un migrante italiano. L’europarlamento: «Agire per evitare ulteriori tragedie»

Nel giorno in cui due ragazzi italiani sono stati massacrati nel Kent dai razzisti inglesi al grido «Italiani di merda, ci rubate il lavoro» che riecheggia i marocchini, negri, rumeni di merda… sentiti troppe volte da sprangatori e razzisti italiani liberi di seminare fascismo ed odio in televisione, il Parlamento europeo chiede all’Ue di attivarsi...

La geografia della povertà nel 2030: il cambiamento climatico nuovo attore protagonista

Ai progetti per la riduzione dei rischi 40 centesimi per ogni 100 dollari di aiuti internazionali

Presentando il rapporto sulla geografia di una povertà sempre più vicina, i ricercatori britannici dell’Overseas Development Institute (Odi), dell’UK Met Office e del Risk Management Solutions (Rms) hanno messo in evidenza una realtà molto dura: «Il cambiamento climatico e l'esposizione ai disastri "naturali" minacciano di far deragliare gli sforzi internazionali per sradicare la povertà entro il...

Balene e sonar all’Elba, Giannì (Greenpeace) risponde alla Nato

Mi permetto di tornare sulla questione “esperimenti NATO/spiaggiamento balene ” per cercare di mettere in linea i “fatti”, anche alla luce delle repliche (legittime) del Cmre (Centre for maritime research and experimentation) e da questi dedurne una proposta facilmente percorribile. Come segnala anche Legambiente, c’è una coincidenza per lo meno sospetta tra la presenza di...

I piccoli agricoltori di 34 Paesi diventano imprenditori grazie ad un programma finanziato dall’Italia

Aumento del 30% dei redditi delle famiglie dei piccoli agricoltori

In un evento collaterale tra quelli che hanno aperto la settimana Mondiale dell'Alimentazione, la Fao ha presentato alcuni progetti di successo finanziati dall'Italia, in Africa orientale ed occidentale, America centrale e nei Caraibi che stanno trasformando i piccoli proprietari e le aziende familiari in piccole imprese. Si tratta del programma "Sicurezza alimentare attraverso la commercializzazione...

Proteggiamo i mari dell’Antartide: appello congiunto di Australia, Francia, Nuova Zelanda, Usa ed Ue

I ministri degli esteri di Australia, Francia, Nuova Zelanda e Stati Uniti d’America ed il commissario agli affari marittimi dell’Unione europea hanno firmato oggi una dichiarazione congiunta per chiedere che entro quest’anno vengano istituite aree marine protette (Amp) nell'Oceano meridionale, nella regione del Mare di Ross e nell’Antartide orientale. Secondo Julie Bishop (Australia), Laurent Fabius...

Nucleare iraniano, spiragli di trattativa al G5+1?

La linea rossa di Teheran saranno l'arricchimento dell’uranio e il diritto al nucleare “pacifico”

«Al momento, la finestra diplomatica sul nucleare iraniano si apre sempre di più», a dirlo è il segretario di Stato Usa  John Kerry, alla vigilia dei  negoziati traIran e G5+1 (Cina, Francia, Gran Bretagna, Russia  Usa e Germania)  del 15 e 16 ottobre a  Ginevra. Kerry era a Londra per discutere del dossier  nucleare  iraniano...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. ...
  4. 86
  5. 87
  6. 88
  7. 89
  8. 90
  9. 91
  10. 92
  11. 93