Clima

Gli orsi polari che mangiano delfini. Colpa del cambiamento climatico? (FOTOGALLERY)

Nel Mar Artico senza ghiaccio i cetacei sostituiranno le foche come prede degli orsi?

Un team di ricercatori norvegesi e francesi, ha pubblicato su Polar Research lo studio “White-beaked dolphins trapped in the ice and eaten by polar bears” nel quale descrivono alcuni episodidi predazione di lagenorinchi rostrobianco (Lagenorhynchus albirostris) da parte di orsi polari (Ursus maritimus). Jon Aars e Magnus Andersen, del Norwegian Polar Institute, e Agnès Brenière...

Rinfrescarsi con il sole, un impianto pilota a Basovizza

Adriacold: il solar cooling può ridurre sensibilmente il consumo di energia elettrica

La Strategia Europa 2020 dell'Unione Europea richiede un impegno sempre maggiore per riduzione il consumo energetico, soprattutto attraverso l'utilizzo di energia sicura, affidabile, concorrenziale, prodotta localmente e sostenibile. Secondo le stime del Centro Studi sull'Economia e il Management dell'Efficienza Energetica (CESEF), il raggiungimento gli obiettivi Ue di risparmio energetico creerebbe un giro di affari di...

Mauritius, la prima donna Presidente della Repubblica è una biologa progressista e ambientalista

Gurib-Fakim: «Ambiente e cambiamento climatico sono una grande preoccupazione

Ieri Ameenah Gurib-Fakim ha ricevuto le congratulazioni da uno degli uomini più potenti del mondo, il presidente cinese Xi Jinping, una cosa che questa biologa nota anche a livello internazionale, non si sarebbe mai aspettata solo qualche giorno fa. Infatti Ameenah Gurib-Fakim dal 5 giugno è la nuova presidente della Repubblica di Mauritius, la prima...

Cambiamenti climatici, le “sorprendenti” opinioni dei cittadini del mondo (VIDEO)

i tre quarti degli interpellati afferma che l’azione per il clima migliorerà la qualità della loro vita

Quasi l’80% dei cittadini di tutto il mondo sono molto preoccupati per gli impatti dei cambiamenti climatici e circa il 70% vedono comunque nelle misure di lotta contro il global warming un’occasione per migliorare le loro vite E’ quanto merge dal più grande sondaggio mondiale sul cambiamento climatico realizzato da oltre 100 partner della World...

Dal G7 passi avanti in difesa del clima: ora serve coerenza, anche in Italia

Iacoboni: «Renzi non può annunciare di voler contrastare i cambiamenti climatici e poi autorizzare le trivellazioni, affossando al contempo il mercato delle rinnovabili»

Il programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (Unep) pone un sigillo autorevole - e ottimista - in merito all’accordo politico sul clima siglato ieri in Gerrnania, che impegna i leader del G7 a fermare il riscaldamento globale entro i 2 °C rispetto ai livelli preindustriali. «Questa dichiarazione – afferma il direttore esecutivo dell’Unep Achim Steiner...

Riscaldamento globale, è tempo di moderato ottimismo. Dopo il G7 nuova ricerca sulla Cina

Lord Nicholas Stern: «Sempre più probabile che il mondo possa evitare di superare i 2 °C»

Ancora oggi gli ambientalisti sono visti da molti come dei menagrami – forse sarebbe meglio dire “gufi” –, e il caso dei cambiamenti climatici è emblematico. L’ambiente riesce molto più facilmente a bucare lo schermo delle notizie solo in caso di catastrofi, e l’ambientalista medio ne viene etichettato come il portavoce ufficiale. Non è così....

La sfida del mutamento climatico vista da Messina

Un resoconto in prima persona in occasione del 60° anniversario della Conferenza

In occasione del 60° anniversario della Conferenza di Messina, nella Quarta Sessione il  5 giugno 2015 alle ore 16:00, al Palacultura Antonello da Messina, si è svolto l’evento “La Sfida del Mutamento Climatico”, coordinatore dei lavori l’Assessore alla Cultura, Tonino Perna, interverranno Gianni Silvestrini, del Kyoto club; Andrea Pedroncini, del DHI; Riccardo Petrella, Fondatore dello...

Clima, dai leader del G7 un primo accordo per frenare la febbre del pianeta

Secondo la German Press Agency l'obiettivo rimane quello di rimanere entro i +2 °C

Al summit del G7 che si è appena chiuso nel lussuoso hotel Schloss Elmau, in Germania, non erano presenti soltanto i maggiori leader politici del mondo occidentale. Tra loro sedeva anche una grave responsabilità condivisa: Germania, Francia, Regno unito, Italia, Giappone e Usa rappresentano solo il 10% circa della popolazione mondiale, ma sono responsabili del 26%...

La Giornata mondiale dell’ambiente alle spalle del G7

L’appello delle associazioni ambientaliste alla vigilia del vertice in Germania

Per la 43esima volta viene celebrata la Giornata mondiale dell'ambiente, un appuntamento divenuto ormai poco più che stanca tradizione in ricordo della Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente umano. Da quel celebre evento del 1972 a oggi molto è cambiato, ma per il pianeta e il nostro sostenibile sviluppo all’interno dei suoi limiti non sono arrivate...

Medio Oriente e Africa del Nord non sono riusciti a ridurre della metà gli affamati

I conflitti e le crisi politiche hanno fatto crescere il livello di sotto-alimentazione

Quelli con la t-shirt con le ruspe e che dicono che i migranti bisogna convincerli con le buone o le cattive a restare a casa loro, farebbero bene a leggere l’ultimo rapporto della Fao sulla situazione in Medio Oriente e in Africa del Nord, forse anche loro riuscirebbero a capire il perché di una disperazione...

Cambiamenti climatici ed energia, ecco il sondaggio più globale mai realizzato: 10.000 cittadini in 79 Paesi

Christiana Figueres: i risultati verranno presentati ai climate talks Unfccc di Bonn

Prende il via dalle Isole Figi il più grande sondaggio di opinione mai effettuato sui cambiamenti climatici:  il  6 giugno 10.000 cittadini, che rappresentano uno spaccato della società  mondiale, si riuniranno in 79 Paesi per l’iniziativa  World Wide Views on Climate and Energy   per fare sentire la loro voce nei negoziati internazionali sui cambiamenti...

La “pausa” nel riscaldamento globale non esiste. L’Ipcc si sbagliava

Scienziati Noaa: «Lo "iato" è un’illusione causata da dati inesatti»

Negli ultimi anni molti studi – assediati e commentati  da molte polemiche degli ecoscettici – si sono dedicati a risolvere “il mistero” del cosiddetto “iato” nel riscaldamento climatico, una pausa, o meglio un forte rallentamento, nell’aumento delle temperature globali della superficie terrestre che durerebbe dal 1998.  Ma ora lo studio “Possible artifacts of data biases...

L’effetto serra sta ritardando la prossima glaciazione. Uno studio di università di Pisa e Cnr

Prova che l'uomo avrebbe modificato il ciclo dei gas serra ben prima della rivoluzione industriale?

Secondo lo studio “Duration and dynamics of the best orbital analogue to the present interglacial” appena pubblicato su Geology e condotto da un team internazionale di ricercatori guidati da Giovanni Zanchetta del dipartimento di scienze della terra dell'università di Pisa, da Biagio Giaccio dell'Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche (Igag-Cnr) e da Eleonora...

Green Week 2015: salvare l’Europa (e la sua natura) per salvare noi stessi

Apre oggi a Bruxelles la più importante conferenza annuale sulla politica ambientale dell’Ue

DA BRUXELLES. «Abbiamo bisogno della natura, dobbiamo salvarla. Dobbiamo salvarla per salvare noi stessi». L'onere e l'onore di aprire la Green Week 2015 è spettato a Jean-Marie Pelt, presidente dell'Istituto europeo di ecologia (Iee), e le sue parole hanno il grande merito di fissare l'attenzione sull'importanza del contesto dal quale dipendono tutte le nostre possibilità...

Finanziamenti climatici: ecco come arrivare ai 100 miliardi di dollari promessi

Con le scelte giuste possibili 155 miliardi anche con una crescita economica medio/bassa

Secondo la  nuova analisi Getting to $100 Billion: Climate Finance Scenarios and Projections to 2020 del World Resources Institute (Wri), i Paesi del mondo sono in grado di raggiungere, entro il 2020, l'obiettivo di mobilitare 100 miliardi di dollari all'anno di finanziamenti internazionali per il clima e che «L'obiettivo può essere raggiunto attraverso molteplici vie...

Buco nell’ozono, senza il Protocollo di Montreal ora sarebbe il 40% più grande

Ora si troverebbe anche sull’Artico e il nord Europa. Un esempio per i colloqui sul clima

Secondo i risultati dello studio “Quantifying the ozone and ultraviolet benefits already achieved by the Montreal Protocol”, pubblicato su Nature Communications da un team di ricercatori  britannici e olandesi, se negli anni ’80 il Protocollo di Montral non avesse vietato le sostanze chimiche dannose per l’ozono, oggi il buco dell'ozono sopra l'Antartide sarebbe il 40%...

PSR della Toscana, dall’Ue più di 414 milioni per l’agricoltura della Regione

962 milioni di euro per ambiente, clima, ecosistemi, biologico e innovazione

La Commissione europea ha approvato oggi altri 24 programmi di sviluppo rurale (PSR) che puntano a «migliorare la competitività del settore agricolo dell'Ue, a preservare l'ambiente rurale e il clima e a rafforzare il tessuto economico e sociale delle comunità rurali nel periodo fino al 2020» e prevede che «i programmi adottati oggi creeranno oltre...

Le Giornate della Bellezza dal 27 al 2 giugno, Voler Bene all’Italia in Toscana

Iniziative clou all’Elba e in Lunigiana, ma feste e incontri in tutta la Regione

Con le giornate della bellezza, in programma dal 27 maggio al 2 giugno, torna in Toscana Voler Bene all’Italia, l’iniziativa di Legambiente e di un vasto comitato promotore, con  tanti eventi e itinerari per conoscere, attraverso una chiave inedita, luoghi e comunità nelle città da rigenerare come nei piccoli borghi da far rinascere, per raccontare...

Ondata di caldo in India: 750 morti. Temperature a 49 gradi

Strage di poveri. Lo stato più colpito è l’Andhra Pradesh

Secondo il network televisivo NDTV, gli Stati indiani del Telangana e dell’Andhra Pradesh, vicini alla capitale New Delhi, sono i più colpiti da un’ondata di caldo che sta soffocando l’India. Nel solo Andhra Pradesh la canicola avrebbe provocato la morte di più di  551 persone e le autorità dello Stato dicono che  la maggior parte...

Scuole che producono sterminata bellezza, primo il Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto Fiorentino

Il concorso ideato da Legambiente per valorizzare progetti innovativi socialmente virtuosi

Oggi a Firenze Legambiente  ha premiato le scuole che con progetti creativi innovativi hanno contribuito a sperimentare e produrre, pomuovere e valorizzare la bellezza. Il concorso, realizzato in collaborazione con Comieco, Symbola, Consiglio nazionale degli architetti e con il sostegno di Castalia e destinato alle scuole di tutta l’Italia, intendeva raccogliere quelle esperienze maturate dalle...

Rischio idrogeologico: più di 83 milioni alle Regioni del centro nord

Ministero dell’ambiente: copriranno gli accordi di programma

Il ministero dell'ambiente sta predisponendo gli atti necessari ad attribuire alle Regioni del Centro-Nord 83 milioni e 650 mila euro inizialmente previsti dal Fondo Sviluppo Coesione e non assegnati, intervenendo con proprie risorse di bilancio, serviranno a completare il finanziamento degli Accordi di Programma stipulati nel 2010 e portare a termine rapidamente gli interventi di...

Recharge.green, energia e natura nelle Alpi: un atto di equilibrio

Alpi: grande potenziale per l’ energia rinnovabile, ma aumenta la pressione sulla natura

Lo sfruttamento dell’acqua, della biomassa, del vento e del sole nelle Alpi per la produzione di energia ha un impatto positivo sul clima. Il potenziale energetico da fonti rinnovabili delle Alpi è immenso. In questo senso il contributo alpino alla protezione del clima può essere prezioso. Tuttavia questo significa aumentare la pressione sulla natura. Quale...

Delocalizzare gli edifici esposti a frane e alluvioni per mettere in sicurezza il territorio

Geologi: nel 42% dei centri abitati non c’è regolare manutenzione ordinaria dei corsi d'acqua

“Prevenire è meglio che curare” … anche perché si risparmia. E non poco.  Basandosi su questo principio l’Ordine dei Geologi delle Marche ha presentato oggi ad Ancona una dettagliata Road Map contro il dissesto idrogeologico della Regione Marche, colpita negli ultimi anni da numerosi eventi calamitosi, che hanno “mangiato” la costa, provocato inondazioni con danni milionari. Nelle...

EU-ETS, il mercato europeo delle emissioni ha 10 anni. Ha un futuro?

Un intervento tratto dal blog di Carlo Carraro, Direttore International Center for Climate Governance

Si festeggia quest’anno, con un importante convegno all’Istituto Europeo di Firenze il 21 maggio, il decimo anniversario del mercato Europeo dei permessi di emissione (European Union Emissions Trading Scheme EU-ETS), il più esteso mercato del carbonio esistente ad oggi.  Vi proponiamo questo interessante contributo di  Carlo Carraro, Direttore International Center for Climate Governance, tratto dal suo blog  ...

Greenpeace e Eeb: nuovi standard di emissioni per le centrali a carbone

«Quelli Ue troppo deboli, potranno causare 71.000 morti in più»

L'Unione Europea è attualmente impegnata ad aggiornare i suoi standard di emissione per i grandi siti industriali, tra cui le centrali termoelettriche a carbone e lignite, che saranno in vigore tra il 2020 e il 2029 e fisseranno le soglie per inquinanti quali biossidi di zolfo, ossidi di azoto, mercurio e particolato. Si tratta di...

In Australia nevicano ragni paracadutisti (VIDEO)

L’incubo di chi soffre di aracnofobia, ma sono innocui per l’uomo

Tra maggio ed agosto, quando soffia il vento i cieli dell’Australia vengono attraversati da “nuvole” composte da orde di ragni. Ed è proprio quello che sta accadendo in queste ore nella regione del Tableland, nel sud dell'Australia, dove milioni di piccoli ragni, chiamati sheet-web weavers o money spiders, stanno cadendo dal cielo e ricoprono il...

Ecolife lancia le App per imparare giocando uno stile di vita sostenibile,

Ecolife game plus su Google Play e Apple Store, un gioco per risparmiare tutelando l'ambiente

Il progetto EcoLife - Ecological Lifestyles for CO2 Reduction (LIFE12 INF/IT/000465), campagna d'informazione e comunicazione sostenibile volta a sensibilizzare la popolazione per ridurre le emissioni di CO2 attraverso l'adozione di stili di vita nuovi  è giunto nel vivo delle sue azioni. Dopo l’avvio a fine 2013 e l'apertura delle prime 15 comunità locali (ad Avellino,...

Eu Ets: nel 2014 le emissioni industriali nell’Ue sono diminuite del 4,5%

Commissione Ue: «Il livello di adempimento delle norme del sistema Eu Ets è elevato»

A quanto pare ci sono buone notizie per le emissioni di gas serra nell'Unione europea: dal registro dell'Unione emerge che nel 2014 le emissioni verificate di gas serra provenienti da impianti fissi che aderiscono all’ EU Emissions Trading System (Eu Ets) ammontavano a 1.812 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, con un calo rispetto al livello del 2013 di...

Caldo estremo, entro la metà del secolo la popolazione Usa esposta potrebbe quadruplicare

La cause sono il cambiamento climatico e l’aumento e spostamento della popolazione

Secondo lo studio  "Future population exposure to U.S. heat extremes", pubblicato su Nature Climate Change da un team di ricercatori statunitensi del quale fa parte anche l’italiana Claudia Tebaldi, l’esposizione dei cittadini statunitensi al caldo estremo «Potrebbe aumentare da quattro a sei volte entro la metà del secolo, sia per un clima sempre più caldo...

Papa Francesco approva la petizione sul clima ai leader mondiali (FOTOGALLERY)

Mantenere l’aumento delle temperature sotto 1,5° C e per aiutare i poveri e vulnerabili

Dopo aver dichiarato che per quanto riguarda i cambiamenti climatici c’è un «Chiaro, definitivo e ineludibile imperativo etico ad agire», Papa Francesco ha esortato i cattolici di tutto il mondo a firmare una nuova petizione che invita i leader mondiali a limitare il riscaldamento globale a 1.5 gradi centigradi, come già chiesto dalla dichiarazione episcopale...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. ...
  4. 211
  5. 212
  6. 213
  7. 214
  8. 215
  9. 216
  10. 217
  11. ...
  12. 243