[29/01/2013] News toscana

Cooperazione nell'area del Mediterraneo, Toscana eclettica: capofila in 15 progetti

Il comitato direttivo del Programma di cooperazione transfrontaliera "Marittimo" Italia-Francia, riunito nei giorni scorsi ha fatto il punto sul bando per l'assegnazione di risorse aggiuntive, che si era concluso in agosto. Sono stati approvati tutti i 34 progetti presentati, dei quali 15 hanno per capofila un partner toscano. Di questi ne sono stati finanziati 14, 6 dei quali con capofila toscano, per un ammontare complessivo di 24 milioni di euro. Di queste risorse, sono state destinate al partenariato toscano circa 10 milioni.

Gli ambiti dei progetti ammessi a finanziamento riguardano i trasporti multimodali destinati alle persone e alle merci, anche attraverso l'utilizzo di strumenti Ict, la gestione integrata delle risorse naturali e della prevenzione del rischio marino, i servizi alle imprese, il supporto alla ricerca e sostegno al mercato del lavoro nel settore della nautica e del turismo. sottolinea come

«Il programma ha rappresentato, per la Toscana e per le altre regioni, un'opportunità in più per fronteggiare la crisi e innescare lo sviluppo, grazie ad uno strumento efficace di cooperazione e scambio fra realtà diverse che, al di là delle frontiere, lavorano insieme per lo stesso obiettivo- ha sottolineato l'assessore regionale alle attività produttive lavoro e formazione, Gianfranco Simoncini . Per questo sono state accolte con grande entusiasmo le nuove opportunità di finanziamento realizzatesi nel 2012 con il bando risorse aggiuntive, che hanno dato la possibilità di implementare i progetto e i prodotti precedentemente finanziati».

Ricordiamo che il PO Italia Francia Marittimo, è un programma europeo che prevede la realizzazione di interventi di cooperazione fra regioni affacciate sulle opposte sponde del Mediterraneo e del quale fanno parte Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica. L'obiettivo principale è quello di "migliorare e qualificare la cooperazione fra le aree transfrontaliere in termini di accessibilità, di innovazione, di valorizzazione delle risorse naturali e culturali e di integrazione delle risorse e dei servizi al fine di accrescere la competitività, a livello mediterraneo, sud europeo e globale e assicurare la coesione dei territori e favorire nel tempo occupazione e sviluppo sostenibile". I partner toscani coinvolti nei progetti: Regione Toscana, ,province di Livorno, Grosseto, Lucca, Massa, Pisa, Ires Toscana, Lamma, comune di Bibbona, Unione comuni Lunigiana, Asl 2 Lucca.

Torna all'archivio