[12/10/2012] News toscana

Rifiuti, inaugurato l'impianto di Strillaie

C' anche l'ok della Provincia alla Via per l'impianto di Scarlino Energia

Con l'inaugurazione odierna dell'impianto per il trattamento fisico e biologico di rifiuti indifferenziati e compostaggio di qualità realizzato da Futura Spa a Strillaie, si va decisamente  concretizzando la chiusura del ciclo dei rifiuti nella Provincia di Grosseto, che ieri ha espresso parere favorevole anche alla Via che riguarda l'impianto di Scarlino Energia.

L'impianto a tariffa concordata con l'ex Ato 9 (divenuto per effetto della Legge regionale 61/2007 Ato Toscana Sud e dal 1 gennaio 2012 per effetto della Legge Regionale 69/2011 Autorità per il Servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ATO Toscana Sud) opererà la selezione dei rifiuti urbani indifferenziati - con produzione di CCS (Combustibile da rifiuti) e stabilizzazione della frazione organica selezionata - e il compostaggio per la produzione di compost di qualità da FORSU (frazione organica rifiuti solidi urbani) e verde da raccolta differenziata.

A regime tratterà circa, circa 91 mila tonnellate di rifiuti indifferenziati e circa 27mila tonnellate di frazione organica da raccolta differenziata dei 28 comuni della Provincia di Grosseto.

«La messa a regime di questo impianto - ha detto durante l'inaugurazione Massimo Filipponi, amministratore delegato di Futura SpA, comporterà notevoli vantaggi ambientali: si ridurrà la quantità di rifiuti destinati alla discarica e aumenterà la quota destinata a riciclo di materia e a recupero energetico».

«Sempre in tema di benefici ambientali - ha continuato Filipponi- Futura SpA si è mossa per garantire una parte del fabbisogno energetico con fonti rinnovabili, pensando anche al resto del territorio. Oltre a installare sui nostri tetti un impianto fotovoltaico di circa 800 kW di potenza, infatti, abbiamo realizzato in collaborazione e d'accordo con ENEL, un cavo interrato di alimentazione all'impianto di circa 9,5 km che potrà servire anche a future realtà che potranno sorgere al nostro intorno».

«Ogni volta che inauguriamo impianti come questo - ha precisato l'assessore regionale all'Ambiente e all'energia, Anna Rita Bramerini - sappiamo di aver fatto un passo in più verso la corretta gestione dei rifiuti, verso i traguardi europei e verso l'ambiente. Tra gli obiettivi della Regione da tempo c'è anche quello di sviluppare il sistema impiantistico con nuovi interventi che possano combinare le varie modalità di smaltimento come fa questo di Futura Spa. Si tratta di soluzioni sempre auspicabili che contribuiscono a far sì che la Toscana diventi a tutti gli effetti regione europea».

I lavori di realizzazione del complesso impiantistico, è stato ricordato,  sono iniziati il 30 marzo del 2009 e  terminati nell'estate 2011; espletata la fase di collaudi, l'impianto ha iniziato a trattare i rifiuti indifferenziati il 31 agosto e la frazione organica da raccolta differenziata il 1 ottobre 2012.

L'impianto previsto negli atti di pianificazione provinciale per la gestione dei rifiuti e divenuto poi parte integrante del piano straordinario dell'Ato Toscana Sud (che comprende le Province di Grosseto, Arezzo e Siena) è, nel suo genere, il primo per capacità di trattamento ad essere realizzato in Toscana.

L'impianto delle Strillaie rappresenta, insieme alla piattaforma per la selezione della raccolta differenziata multimateriale Ecolat, il sistema industriale per il recupero di materia nella Provincia di Grosseto; è dunque funzionale al sistema di gestione integrato dei rifiuti dell'Ato Toscana  Sud e rappresenterà, una volta a regime, un anello fondamentale di questo sistema.

L'inaugurazione ha visto la presenza di Valerio Bertuccelli, Presidente Futura SpA,  Massimo Filipponi, Amministratore delegato Futura spa,  Paolo Nannini, Commissario Ato Toscana Sud,  Maurizio Pernice, Direttore generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche del Ministero dell'Ambiente, Anna Rita Bramerini , Assessore all'Ambiente e Energia della Regione Toscana, Leonardo Marras, Presidente della Provincia di Grosseto, Emilio Bonifazi , Sindaco della Città di Grosseto, è pronto quindi a fare la sua parte per garantire l'autosufficienza alla Provincia di Grosseto per il trattamento dei rifiuti urbani.

Torna all'archivio