[21/08/2012] News toscana

La cittadella dello studente avrÓ i pannelli fotovoltaici: a costo zero per la Provincia di Grosseto

La stima del costo di progettazione e costruzione è di 1 milione e 561mila euro, ma le casse pubbliche della Provincia di Grosseto non ne dovranno sborsare neanche uno. Per realizzare l'idea di una cittadella dello studente autosufficiente dal punto di vista energetico, la della Provincia di Grosseto ha deciso di affidarsi al project financing per la realizzazione e la gestione d'impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare fotovoltaica da installare sugli edifici scolastici di sua proprietà. . Il bando è frutto della collaborazione tra gli uffici della Provincia ed il Cosvig, il Consorzio per lo Sviluppo delle Aree Geotermiche.

«La Provincia - commenta Marco Sabatini (nella foto), assessore provinciale alle Energie rinnovabili - ha accompagnato e favorito sempre la spinta verso le energie rinnovabili in vari modi, spesso anche nella difficoltà di dover fare i conti con una politica nazionale piuttosto ondivaga nei confronti degli incentivi alle aziende sul solare fotovoltaico. Crediamo che il nostro impegno, anche in questo progetto, possa incontrare l'interesse di molti».

Gli impianti saranno collocati su sei plessi: all'Istituto Tecnico Agrario; all'Istituto Tecnico Industriale di Via Brigate Partigiane e alla sezione elettrotecnici di Via dei Barberi 63, all'Istituto Magistrale, in Piazzale Benci; al Liceo Scientifico e Classico; all'Istituto Tecnico per Geometri - e permetteranno a quegli edifici di usufruire ogni giorno, per il proprio fabbisogno, direttamente dell'energia prodotta dal sole. Le corporature in questione, essendo piatte, hanno caratteristiche tecniche tali da permettere la collocazione degli impianti senza particolari difficoltà.

«Un lungo percorso ha portato alla stesura di questo progetto che oggi finalmente può partire - conclude Marco Sabatini, assessore provinciale alle Energie rinnovabili - e che permetterà alla Provincia di rendere la Cittadella dello Studente una zona che abbatte le emissioni inquinanti. Sarà anche un segnale forte di educazione ambientale per le migliaia di ragazzi che ogni giorno vivono quella parte della nostra città».

 La stima del costo di progettazione e costruzione è di 1 milione e 561mila euro, ma le casse pubbliche della Provincia di Grosseto non ne dovranno sborsare neanche uno. Per realizzare l'idea di una cittadella dello studente autosufficiente dal punto di vista energetico, la della Provincia di Grosseto ha deciso di affidarsi al project financing per la realizzazione e la gestione d'impianti di produzione di energia elettrica da fonte solare fotovoltaica da installare sugli edifici scolastici di sua proprietà. . Il bando è frutto della collaborazione tra gli uffici della Provincia ed il Cosvig, il Consorzio nazionale di sostegno e sviluppo delle garanzie, costituito nel 2006 da Confesercenti.

«La Provincia - commenta Marco Sabatini, assessore provinciale alle Energie rinnovabili - ha accompagnato e favorito sempre la spinta verso le energie rinnovabili in vari modi, spesso anche nella difficoltà di dover fare i conti con una politica nazionale piuttosto ondivaga nei confronti degli incentivi alle aziende sul solare fotovoltaico. Crediamo che il nostro impegno, anche in questo progetto, possa incontrare l'interesse di molti».

Gli impianti saranno collocati su sei plessi: all'Istituto Tecnico Agrario; all'Istituto Tecnico Industriale di Via Brigate Partigiane e alla sezione elettrotecnici di Via dei Barberi 63, all'Istituto Magistrale, in Piazzale Benci; al Liceo Scientifico e Classico; all'Istituto Tecnico per Geometri - e permetteranno a quegli edifici di usufruire ogni giorno, per il proprio fabbisogno, direttamente dell'energia prodotta dal sole. Le corporature in questione, essendo piatte, hanno caratteristiche tecniche tali da permettere la collocazione degli impianti senza particolari difficoltà.

«Un lungo percorso ha portato alla stesura di questo progetto che oggi finalmente può partire - conclude Marco Sabatini, assessore provinciale alle Energie rinnovabili - e che permetterà alla Provincia di rendere la Cittadella dello Studente una zona che abbatte le emissioni inquinanti. Sarà anche un segnale forte di educazione ambientale per le migliaia di ragazzi che ogni giorno vivono quella parte della nostra città».

Torna all'archivio