[24/02/2012] News

25 febbraio: 100 piazze d'Italia contro i caccia F-35

Il dossier "Tutto quello che dovreste sapere sul cacciabombardiere F-35 e la Difesa non vi dice"

Il ministro della difesa Giampaolo Di Paola ha confermato l'acquisto di 90 cacciabombardieri nucleari F-35: una delle più micidiali armi da guerra mai costruite. Un solo aereo costa 120 milioni di euro, secondo la stima attuale di prezzo destinata però a crescere come annunciato dal Pentagono e dalla Lockeed Martin a seguito delle varie disdette e slittamenti di ordini arrivati. In tutto l'Italia finirà per impegnare più di 10 miliardi di euro ai quali se ne dovranno aggiungere altri 20-30 per la gestione e manutenzione dei velivoli.

Contro questa decisione Tavola della pace, la Rete Italiana per il Disarmo e la Campagna Sbilanciamoci! promuovono una Giornata nazionale di mobilitazione contro gli F-35, "100 piazze d'Italia contro i caccia F-35". che si svolgerà sabato 25 febbraio nell'ambito della campagna "Taglia le ali alle armi" lanciata dalle tre organizzazioni e si chiedono: «Che senso ha spendere tutti questi soldi mentre si costringono milioni di italiani a fare enormi sacrifici e mancano i soldi per il lavoro, la scuola, la lotta alla povertà, i servizi degli enti locali, la protezione civile, la polizia e la giustizia?».

Manifestazioni sono previste In decine di città (tra cui Torino, Bari, Perugia, Napoli, Milano, Roma, Novara, Trieste, Cagliari, Trento...) dove verranno raccolte le firme contro l'acquisto degli F-35 che poi saranno   consegnate al Parlamento, dove si sta discutendo la riforma delle Forze Amate.

All'iniziativa aderisce anche Legambiente e Angelo Gentili, della segreteria nazionale del Cigno Verde spiega che «Il primo obiettivo di questa nuova fase di mobilitazione che è attiva del 2009 e già ha raccolto oltre 45.000 adesioni è spingere il Parlamento a discutere in modo aperto e trasparente sugli F-35 valutando con onestà le opportunità, se ce ne sono, e gli aspetti negativi. Vogliamo invitare la cittadinanza a partecipare alla manifestazione di domani o a firmare per far si che questi soldi siano spesi per esigenze più importanti».

Gli organizzatori sottolineano che «Gli stessi parlamentari saranno chiamati, collegio per collegio, a prendere una posizione pubblica davanti ai propri elettori. La campagna prosegue inoltre nei consigli comunali, provinciali e regionali dove i rappresentanti degli enti locali sono invitati a discutere un'apposita mozione contro l'acquisto degli F-35. I dettagli delle iniziative si possono trovare nel sito della campagna. Intanto Tavola della pace, Rete Italiana per il Disarmo e Sbilanciamoci! stanno inviando una lettera al Presidente del Consiglio Mario Monti nella quale chiedono un incontro per presentare il dossier e le firme già raccolte e che si raccoglieranno nei prossimi giorni».

Infatti i promotori della Giornata di mobilitazione, hanno pubblicato un dossier,  intitolato "Tutto quello che dovreste sapere sul cacciabombardiere F-35 e la Difesa non vi dice", «Che illustra in modo accurato tutti gli aspetti, i problemi e i costi di un progetto militare faraonico destinato a pesare per molti anni sulle spalle di tutti i contribuenti». Il documento fornisce tutte le informazioni  «Che sono state taciute dalla Difesa, per potersi fare una opinione su un tema così delicato, che non può essere discusso solo da un gruppo di pochi tecnici».

per leggere il dossier:

http://www.disarmo.org/nof35/docs/4013.pdf 

Torna all'archivio