[10/03/2006] Urbanistica

Abusi edilizi, non c’è reato solo se la demolizione arriva prima del procedimento amministrativo

ROMA. Pubblicata la sentenza della III sezione della Corte di Cassazione sulla richiesta di estinzione di reato per la spontanea demolizione di un abuso edilizio: la Corte «in base al tenore letterale della norma la fattispecie estintiva prevista dall’articolo 181» afferma che l’estinzione del reato «può configurarsi soltanto se l’autore dell´abuso si attivi spontaneamente alla remissione in pristino e, quindi, prima che la Pubblica Amministrazione la disponga perché l’effetto premiale può realizzarsi solo in presenza di una condotta che anticipi l’emissione del provvedimento amministrativo ripristinatorio». La Cassazione ha quindi respinto la richiesta di remissione di reato perché il colpevole dell’abuso aveva provveduto alla demolizione solo dopo l’avvio del procedimento da parte dell’amministrazione comunale.

Torna all'archivio