[03/09/2007] Parchi

Task force italiana per salvare i delfini del Mediterraneo dal morbillivirus

ROMA. Tra il 1990 e il 1992 la popolazione di stenelle striate (Stenella coeruleoalba), la più piccola e numerosa specie di delfini del Mediterraneo, era stata colpita da un’epidemia di morbillivirus che aveva causato la morte di migliaia di esemplari.
Il morbillivirus, che colpisce il cervello, i polmoni e i tessuti linfatici e sembra che uno dei fattori scatenanti sia la contaminazione da policloroienili (Pcb), diossine e ftalati che, distruggendo il sistema endocrino e inibendo il sistema immunitario, rendono più vulnerabili i cetacei agli agenti virali.

I ricercatori spagnoli dell’Istituto per la conservazione e recupero degli animali marini (Cram) hanno lanciato un nuovo sos morbillivirus dopo il ritrovamento di 50 stenelle morte nel Mare delle Baleari, e l’Icram ed il ministero dell’ambiente italiano hanno messo in piedi, insieme alle università di Siena e Teramo, una Task Force per lo studio delle infezioni da morbillivirus.
«Il progetto – spiega una nota del ministero dell’ambiente - ha lo scopo di indagare i cetacei target del Mediterraneo (stenella striata e balenottera comune) e la possibile connessione tra la presenza dei contaminati ed un eventuale aumento della vulnerabilità di queste specie ad agenti patogeni come il morbillivirus».

Icram e ministero accolgono così la richiesta la richiesta del ministro dell’ambiente della regione spagnola della Narbona per un monitoraggio dell’ambiente marino sulla diffusione del morbillivirus che ha interessato cetacei e pinnipedi nel Mediterraneo.

Icram ed università di Siena e Teremo hanno avviato, fin dai primi segnali di allarme giunti la scorsa primavera, una serie di analisi in seguito al decesso di alcune stenelle nell’area di Gibilterra.
La nuova task force sarà attiva già dalle prossime settimane per svolgere indagini sui cetacei presenti nell’area del Santuario dei mammiferi marini Pelagos e sono in corso di predisposizione protocolli nazionali per la raccolta dei campionamenti necessari.

Torna all'archivio