[27/08/2007] Comunicati

Investire nell´ambiente il frutto della lotta all´evasione fiscale

LIVORNO. La lotta all’evasione sembra pagare. I 4 miliardi in più rispetto alle previsioni del Dpef sono un’ottima notizia di per sé, anche perché dimostra l´assurdità della politica dei condoni. Ma sarebbe anche più positiva se fossero destinati a investimenti legati a uno sviluppo sostenibile del Paese. La pensano così anche i Verdi, che intervengono nel dibattitto di questi giorni sulle tasse per suggerire una destinazione ecologica.

«Siamo d’accordo con Prodi – dice il ministro dell’ambiente Alfonso Pecoraro - quando afferma che combattere l’evasione serve a diminuire le tasse e quando sottolinea la necessità di scelte collegiali all’interno della maggioranza. Ma ora sarebbe una scelta saggia destinare le maggiori risorse a disposizione alla tutela dell’ambiente, che è una vera grande priorità di questo Paese ed ai giovani, per valorizzarli e liberarli dalle incertezze del precariato».

Gli fa eco il capogruppo alla Camera Angelo Bonelli che suggerisce «che le maggiori entrate siano destinate alle grandi priorità del Paese: la tutela dell’ambiente, la lotta al precariato e l’innovazione. Già nella prossima finanziaria sarà indispensabile inserire provvedimenti concreti per la tutela del territorio, anche quest’anno devastato dagli incendi e per contrastare i cambiamenti climatici in atto, rendendo anche più pulita l’aria delle nostre città». «L’Italia – conclude il capogruppo del Sole che Ride - deve saper guardare al futuro affrontando le grandi questioni ambientali, che incidono fortemente sulla società, sull’economia e sulla vita di tutti i giorni».

Torna all'archivio