[20/07/2007] Parchi

C´è anche una ex base militare Usa che diventerà un parco

LIVORNO. Un Parco della pace, un’area verde di quasi 18 ettari a libera circolazione, sorgerà in Puglia là dove una volta, fino agli anni 60, c’era una base militare Usa con i missili puntati contro l’ormai ex Unione Sovietica. Lo comunica il ministero dell’ambiente attraverso il proprio sito internet.

E’ l’esito dell’azione realizzata dal sottosegretario all’Ambiente, con delega al paesaggio, Laura Marchetti che ha chiesto al Ministero dell’Ambiente di esercitare l’acquisizione dell’area (della Murgia) per usi governativi con conseguente blocco dell’asta prevista dal demanio.

Un’iniziativa che era stata sollecitata dall’allarme del sindaco e dell’intero consiglio comunale di Gravina, timorosi di un esito dell’asta di tipo privatistico, non rispondente alle aspettative pubbliche della zona - nella quale era già previsto un parco della pace con una proposta di legge dei senatori Nebbia e Patrara - e che ha visto l’immediato interesse della Regione Puglia già artefice, in collaborazione con il Cam (Comitati Alta Murgia), del Progetto Jupiter, volto a trasformare tutti i terreni militari dismessi in percorsi di pace.

Grazie alla prelazione, il Dicastero dell’Ambiente s’è assicurato l’area, conosciuta come l’ex campo missili, garantendo così che non vada disperso un patrimonio ambientale e culturale, un luogo di memoria storica con, oggi, un valore simbolico aggiunto che e’ quello di un rinnovato messaggio di Pace.

«E’ un´iniziativa importante per almeno due ragioni – sottolinea il sottosegretario Laura Marchetti - la prima, e’ che l’avvenimento coinvolge tre istituzioni, comune, regione e ministero, che hanno collaborato per una soluzione pubblica, con al centro il tema della pace. L’altra e’ che l’operazione può diventare d’esempio, un vero e proprio modello, contro ogni possibile cartolarizzazione o, peggio, mercificazione dei beni comuni, sia d’uso militare che civile».

Torna all'archivio