[18/07/2007] Rifiuti

Rifiuti Bagnoli, Verdi: "Dal Ministero l´assicurazione che i materiali pericolosi non verranno a Piombino"

LIVORNO. Grazie all’intenso lavoro di confronto con il Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio, i Verdi Val di Cornia hanno ottenuto l’assicurazione di escludere l’arrivo di oltre 500.000 mc di materiale pericoloso. Lo sostengono Marco Chiarei Portavoce Verdi e
Beatrice Ferrante capogruppo consiliare Verdi.

Questo, dicono, era ciò che i Verdi avevano richiesto e quindi accolgono con grande soddisfazione la decisione del Ministero di escludere dal APQ i materiali pericolosi e i relativi stoccaggi, scongiurando così i tempi di attesa legati al funzionamento della Tap e all´utilizzo di aree vergini.

Questo è finalmente un punto fermo da cui partire per valutare correttamente i pro e i contro dell´operazione di bonifica Bagnoli Piombino dicono Chiarei e Ferrante. I Verdi locali, pur non avendo mai avuto posizioni pregiudizialmente contrarie, avevano rilevato che sul fronte delle garanzie ambientali, necessarie in fase di trasporto, di scarico, di movimentazione e di trattamento, la partita non poteva ancora essere chiusa.
Adesso si possono riconoscere e apprezzare le ricadute positive per il nostro territorio nella accelerazione delle bonifiche, nello sveltimento della realizzazione delle banchine portuali e della strada di accesso. Tutti vantaggi che il ministro Pecoraro ha ben illustrato nella sua recente visita sottolineando anche l´importanza del processo di informazione e partecipazione.

La vera notizia, concludono, di oggi è che Piombino e il suo territorio si candidano a ricevere ingenti finanziamenti per il proprio sviluppo con tutte le garanzie ambientali necessarie.

Torna all'archivio