[17/07/2007] Acqua

Acqua, Italia al top...nei consumi e negli sprechi

BRUXELLES. Come già annunciato nei giorni scorsi, domani la Commissione Ue, per voce del commissario all´ambiente Stavros Dimas, presenterà la sua strategia contro la siccità e la scarsità idrica che prevede misure drastiche per porre un freno agli sprechi d´acqua in Europa. Ogni anno circa il 20% del totale delle risorse idriche, con punte fino al 50% nel bacino del Mediterraneo, si buttano via a causa dell’inefficienza dei sistemi di irrigazione e delle perdite nelle condutture.

Il settore agricolo, con il 64% dei consumi a livello europeo, è tenuto particolarmente d’occhio da Bruxelles, ma in tutti i settori è possibile intervenire per razionalizzare la risorsa. «Gli sprechi sono un lusso che non ci possiamo più permettere», dichiarano dalla Commissione facendo osservare che negli ultimi 30 anni la penuria d´acqua è aumentata e che gli effetti del cambiamento climatico peggioreranno la situazione. Nel rapporto si stima che nei Paesi del Mediterraneo è possibile risparmiare il 45% delle risorse idriche (60% in agricoltura, 25% nell’industria, 15% uso domestico) riducendo le perdite nei vari comparti e utilizzando più acqua riciclata specialmente nel settore industriale.

L’Italia, duramente colpita dalla siccità specialmente in alcune aree (vedi quanto sta accadendo nel bacino del Po) è tra i Paesi Ue quello che consuma di più e tra quelli dove gli sprechi sono maggiori. Notevoli sono anche le possibilità di risparmio di risorsa a patto che si giunga ad una pianificazione integrata, possibile attraverso una rinnovata normativa che riguardi tutti i settori di consumo delle acque ed in relazione agli altri livelli di pianificazione. L’acqua è una risorsa preziosa ci ricorda Bruxelles, e quindi deve avere un costo adeguato al suo effettivo valore (che andrebbe ad oggi “rimonetizzato”): non vi è dubbio che in alcuni settori si debba fare leva anche sulla tariffa, penalizzando comunque sempre abusi e sprechi, come strumento di tutela della risorsa.

Torna all'archivio