[10/07/2007] Urbanistica

Mugello, le rassicurazioni di Nigi sulla variante di Valico

FIRENZE. In Mugello i cittadini, che hanno ancora le “ferite” aperte dai cantieri dell’alta velocità ferroviaria, ora sono nuovamente preoccupati per quelli sulla Variante di Valico. Cerca di tranquillizzare gli animi l’assessore all’ambiente della Provincia di Firenze Luigi Nigi (Nella foto) «L’Amministrazione provinciale conosce e condivide le forti preoccupazioni più volte espresse dai rappresentanti del Comune di Barberino del Mugello che ci informano dei sopralluoghi, costantemente effettuati, per la realizzazione della variante di Valico e della terza corsia dell’autostrada. Attraverso lo strumento dei due osservatori, nei quali la Provincia è adeguatamente rappresentata, viene attuato un monitoraggio ampio e continuo al fine del controllo degli impatti ambientali sui corsi d’acqua e sui territori interessati. Un monitoraggio costruito anche con segnalazioni, controlli e accertamenti e che spesso dà luogo a sospensioni o altre conseguenze sui lavori in corso».

«Il fatto nuovo - continua Nigi - è che, ad ulteriore approfondimento di quanto più recentemente segnalato la direzione generale Sviluppo e Territorio ha richiesto alla Polizia Provinciale, con il coinvolgimento delle direzioni Ambiente e Difesa del Suolo, nuovi approfonditi accertamenti allo scopo di verificare la situazione dei cantieri e relazionare sulle ricadute ambientali e in particolare sullo stato di intorbidamento delle acque. Naturalmente in base ai risultati - conclude Nigi - saranno presi provvedimenti necessari nelle sedi più opportune».

Soddisfatto si è detto Giunti (La Margherita) che aveva sollecitato l’intervento dell’amministrazione: «E´ stato chiarito il tipo di monitoraggio che sta facendo la Provincia nella zona dove ci sono i cantieri della Variante di Valico». Completa fiducia in quanto si sta facendo ma, visto l’esperienza passata, è bene che tutti continuino a vigilare.

Torna all'archivio