[09/07/2007] Parchi

Meloria, l´area marina protetta finalmente è vicina

PISA. La fin troppo lunga vicenda della Meloria sembrerebbe in dirittura d’arrivo. Era ora visto che l´istituzione dell’area protetta marina è in lista d’attesa da molti anni tanto che circolavano da tempo aneddoti sul decreto pronto per la firma che giunto sul tavolo finiva regolarmente in fondo per essere ogni volta rinviato. Questa sembrerebbe però la volta buona e ce ne rallegriamo. Resta – è vero - qualche piccolo problema ma non credo che la firma possa essere ancora una volta rinviata.

Oltretutto sembra anche il momento giusto visto che da poco proprio a Livorno per iniziativa della provincia è stato rilanciato l’impegno per il Santuario dei cetacei e poco prima è stato firmato un protocollo tra le province e i comuni di Livorno e Pisa e il nostro parco e la regione per una serie di impegni di area vasta che riguardano la costa, il canale dei navicelli, lo scolmatore etc.

L’affidamento della gestione della nuova area protetta marina al Parco di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli rientra perfettamente in questo contesto. D’altronde specie di questi tempi in cui lo sport più in voga è la caccia allo spreco vero o presunto sarebbe davvero singolare prevedere per questa piccola area protetta una gestione separata con tanto di organismi doppioni di quelli del parco.

Tutto a posto dunque? Nemmeno per idea. Non avevamo fatto i conti con Guido Guastalla candidato sindaco sostenuto della Casa delle Libertà alle ultime elezioni- che trova vergognoso (nientemeno!) che dopo oltre sette secoli Pisa riconquisti, senza colpo ferire, la Meloria.

Ecco un capo gavettone tosto. Come aspirante sindaco è stato trombato ma nei duelli con Pisa si riprende –riconosciamolo- le sue belle rivincite. Ora per ragioni di buon gusto non possiamo e non vogliamo rispondere attingendo al forbito e ricco repertorio che il suo riferimento nazionale riserva di solito al presidente del consiglio e ai suoi avversari. Diciamo educatamente che Guastalla ha detto una bischerata.

Torna all'archivio