[29/06/2007] Urbanistica

Piano strutturale unico per i comuni della Val d´Orcia?

PIENZA (Siena). Dal convegno di oggi a Monticchiello, al quale hanno preso parte oltre al governatore Claudio Martini anche istituzioni, associazioni e comitati, è uscita una forte indicazione per realizzare un unico Piano strutturale per l’intera Val d’Orcia: «Costruire un sistema unitario per il governo del territorio in cui ognuno, dai Comuni al Governo nazionale, faccia la sua parte – ha detto Claudio Martini - questa è il primo segnale di svolta. Il secondo, realizzare un piano strutturale unico per tutta la Val d’Orcia: un sogno che diventa realtà».

Si tratterebbe della quarta esperienza, dopo quella dell’Isola d’Elba, dei Comuni del Tufo (Pitigliano, Sorano e Castell’Azzara) e della Val di Cornia, dove peraltro il piano strutturale unico è ancora in discussione e dove non sono mancati “incidenti di èpercorso” tra un comune e l’altro. Il piano strutturale unico comunque, consentirebbe nei piani della Regione di affrontare il tema della gestione del paesaggio con maggiori strumenti, risorse e competenze, cercando di valorizzare le peculiarità, evitando l’omologazione e il riprodursi di aree artigianali o edificabili.

«Oggi apriamo un nuovo cantiere nella Val d’Orcia – ha detto nel corso del suo intervento l’assessore regionale, Riccardo Conti - quello di un lavoro comune per garantire un governo del territorio capace di tutelare il paesaggio senza negare uno sviluppo di qualità necessario per garantire il benessere alle popolazioni locali. Sarà un cantiere aperto alla partecipazione dei cittadini e dei comitati. La proposta di avviare un lavoro comune di tutte le istituzioni per costruire un unico piano strutturale è un’esperienza esemplare, una risposta concreta – ha concluso Conti - alle mille polemiche che hanno alimentato il dibattito in questo ultimo anno».

Torna all'archivio