[25/05/2007] Parchi

Due balene nel porto mediceo di Portoferraio

PORTOFERRAIO (Livorno). Mentre scriviamo il porto mediceo di Portoferraio ha due ospiti di eccezione: proprio accanto alla banchina, in mezzo a panfili e imbarcazioni delle forze dell’ordine, sono comparse due balene, un esemplare dovrebbe misurare una decina di metri mentre l’altro è più piccolo, forse 7 metri. I due cetacei sono emersi in pieno porto mostrando la tipica pinna corta delle balene e si tratta probabilmente di balenottere comuni, abbastanza frequenti all’Elba in primavera e che a volte entrano nella baia del porto di Portoferraio, e si ha notizia anche di qualche remoto spiaggiamento. Si tratta di una buona notizia per il Santuario dei cetacei che conferma così tutta la sua importanza per la salvaguardia dei giganti dei mari. Gli sbuffi e le immersioni degli animali hanno attirato un gran numero di curiosi e la Capitaneria è già intervenuta per proteggere l’incolumità dei due grandi animali e magari per intervenire nel caso i cetacei si dovessero trovare in difficoltà su un fondale che in quel luogo è di circa 10 metri.

L´assessore provinciale Anna Marrocco ha così commentato la notizia: "Chiunque abbia dubbi sulla necessità di investire energie e risorse sui cetacei del Mediterraneo, deve ricredersi, visto lo spettacolo che due balenottere hanno dato oggi nella rada del porto di Portoferraio. La Provincia di Livorno giustamente si è mossa aderendo all´Osservatorio toscano dei cetacei per mettere a disposizione del Santuario Pelagos le proprie conoscenze e ricerche. Delfini, capodogli e balenottere sono sempre più minacciati dall´inquinamento, dal traffico navale e dalle infrastrutture costiere. L´Osservatorio che nasce all´isola d´Elba sarà uno strumento fondamentale per elaborare strategie di protezione a partire dalla quotidiana esperienza di avvistamenti e coabitazione con questi magnifici mammiferi marini".

Torna all'archivio