[19/04/2007] Parchi

Federparchi: «Assurdi vincoli di spesa e basta commissariamenti»

ROMA. Una delegazione della Federparchi, guidata dal presidente Matteo Fusilli, è stata ascoltata dalla Commissione ambiente della Camera. «L´audizione, richiesta qualche settimana fa dall´associazione – spiega Fusilli - ha consentito di segnalare le forti preoccupazioni del mondo delle aree protette su due argomenti che condizionano pesantemente l´attività dell´intero loro sistema. Innanzitutto il permanere di una limitazione alla possibilità di spesa degli enti parco, costretti all´osservanza di un tetto del 2% all´incremento dei prelievi dalla tesoreria centrale rispetto al 2006. Fatto che vanifica completamente le scelte, pur sostenute dal ministro dell´Ambiente e opportunamente operate dal Parlamento in sede di legge finanziaria, di una più ampia dotazione economica per i parchi nazionali, circa 20 milioni di euro, e della rimozione dell´altro limite prima esistente e riguardante la possibilità complessiva di spesa».

Una contraddizione assurda che è stata fatta presente ai deputati della Commissione ambiente: il governo aumenta le possibilità di impegno di spesa e contemporaneamente si riducono le possibilità di attingere alla cassa, così crescono i residui passivi e i contenziosi con i creditori.
La Federparchi ha sollevato anche la questione dei tempi e delle procedure per le nomine dei presidenti dei parchi nazionali ed evidenziato le gravi difficoltà di alcune aree protette ancora commissariate, «tanto per la mancanza di termini stringenti nella legge quadro 394/91, quanto per la mancata intesa tra Stato e regioni, le gestioni commissariali sono state numerosissime e protratte per tempi indefiniti.

Faderparchi ha proposto alla Commissione di fissare procedure da avviare automaticamente e con tempi prefissati per la ricerca dell´intesa tra le istituzioni e dell´introduzione di criteri di incompatibilità e requisiti di qualità per la figura del presidente. Il presidente della Commissione ambiente della Camera, Ermete Realacci, ha ringraziato la Federparchi per il contributo e ha assunto l´impegno di una valutazione delle proposte.

Torna all'archivio