[17/04/2007] Parchi

L´Unesco conferma: Galapagos in pericolo

LIVORNO. Una missione dell’Unesco ha confermato che il parco nazionale e la riserva marina delle isole Galapagos sono seriamente minacciati ed hanno bisogno di severe misure di conservazione, come quelle annunciate dal governo dell’Equador, di cui l’arcipelago fa parte, per salvaguardare il sito compreso nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco.

In un comunicato l’Unesco sottolinea che «in causa ci sono la proliferazione di specie invasive, l’aumento dell’immigrazione, lo sviluppo incontrollato del turismo e l’incapacità delle differenti istituzioni ed agenzie a contrastare queste minacce»
La missione, destinata a valutare lo stato delle isole Galapagos è stata condotta su richiesta del Comitato del patrimonio mondiale e su invito del governo equadoregno. Si è sviluppata dall’8 al 13 aprile ed è stata diretta da Kishore Rao, direttore aggiunto del Centro del patrimonio mondiale dell´Unesco, Tumu te Heuheu, presidente del Comitato del patrimonio mondiale e Bernd von Droste dell’Unione mondiale per la natura (Iucn).

Ritornando nella capitale Quito, la missione Unisco ha incontrato i ministri equadoregni degli esteri, dell’ambiente, del turismo e della sicurezza interna ed esterna, altri responsabili di alto livello come quelli delle organizzazioni intergovernative, di Ong o di agenzie di cooperazione bilaterale.
La missione ha apprezzato l’impegno del presidente dell’Equador di far fronte in maniera globale ai problemi che interessano già oggi le Galapagos, con una serie di nuove misure che devono essere adottate nelle prossime settimane.

Le conclusioni della missione saranno presentate al Comitato intergovernativo del patrimonio mondiale nel corso della sua prossima sessione, che si terrà a Christchurch, in Nuova Zelanda, dal 23 giugno al 2 luglio. Il Comitato del patrimonio mondiale esaminerà le conclusioni della missione e concorderà le misure da prendere, soprattutto la possibilità di iscrivere le isole di Darwin come nella lista del patrimonio mondiale in pericolo.

Torna all'archivio