[13/04/2007] Rifiuti

Livorno, raccolte 250 tonnellate di rifiuti abbandonati

LIVORNO. Grossa operazione di pulizia straordinaria attuata dal Comune di Livorno, attraverso l’Aamps, nell’area compresa tra via Pian di Rota, via Vallin Buio e via dell’Ecologia. Raccolte circa 250 tonnellate di rifiuti di vario genere: mobili, materassi, televisioni, frigoriferi, lavatrici ed altri elettrodomestici, materiali inerti e di risulta da demolizioni, pannelli in eternit e persino carcasse di animali.

L’intervento di pulizia dell’area - divenuta nel corso degli anni uno dei luoghi preferiti da chi voleva scaricare abusivamente rifiuti - è stato avviato il 2 aprile scorso e portato avanti nei giorni successivi con l’impiego di operatori e diversi mezzi forniti da Aamps. La spesa sostenuta dal Comune è stata di 30mila euro più iva.

Da notare, tra l’altro, che negli stessi giorni in cui erano in corso le operazioni, i soliti ignoti hanno colpito ancora. Nella notte tra il 2 ed il 3 aprile sono stati infatti scaricati abusivamente, proprio in un tratto di via Vallin Buio appena ripulito, circa 10 tonnellate di rifiuti provenienti da lavori di demolizione. La stessa cosa è accaduta nella tarda serata di giovedì 5 aprile.

Da qui, la richiesta alla Polizia municipale, ma anche al Corpo forestale dello Stato, a Carabinieri, Polizia e Guardia di finanza di un potenziamento dei controlli nella zona. E per fortuna questa maggiore attenzione ha già portato qualche risultato. Nei giorni scorsi la Polizia Municipale è infatti riuscita ad individuare ed a cogliere sul fatto alcuni individui mentre stavano scaricando rifiuti. Per loro, naturalmente, sono scattate le previste sanzioni.

«Queste microdiscariche purtroppo così diffuse sul territorio – dice il sindaco Alessandro Cosimi – oltre a rappresentare un problema per l’ambiente e per l’immagine della città, costituiscono un danno economico non indifferente che ricade su tutti i cittadini. Faccio dunque appello alla sensibilità di ognuno per rendere più pulita e più vivibile la nostra città».

«Le risorse umane e finanziarie che abbiamo a disposizione non bastano tuttavia a combattere in modo soddisfacente questi fenomeni. Per questo - conclude Cosimi - stiamo lavorando cercando di ottimizzare la nostra azione, in un rapporto di collaborazione, prima di tutto con Aamps e con le Circoscrizioni, ma anche con il mondo produttivo».

A questo fine, per capire cioè quali azioni di sostegno possano essere messe in campo anche dal privato, stamani in Comune si è svolta una riunione tra i dirigenti dell’ufficio ambiente e rappresentanti delle aziende della zona di Vallin Buio. La strategia che si va definendo è quella di creare una sinergia per giungere ad una soluzione radicale del problema attraverso vari interventi, da un rafforzamento della vigilanza anche privata, all’installazione di dispositivi fissi di controllo.

Per quanto riguarda gli interventi di pulizia in via di Levante, operazione che si è conclusa nella giornata di ieri, c’è da rilevare che grazie ad una collaborazione tra Polizia municipale, Ufficio Ambiente ed Aamps sono stati rimossi quattro roulottes ed un camper abbandonati ed in evidente stato di degrado; contestualmente Aamps ha provveduto alla pulizia nell’area circostante i veicoli abbandonati. L’operazione è costata all’amministrazione comunale oltre 5mila euro.

Torna all'archivio