[13/04/2007] Consumo

Oceana: Tante leggi sulla pesca, ma non ne viene assicurato il rispetto

LIVORNO. «Il miglioramento e l’implementazione delle misure di controllo diventano quanto mai necessarie, poiché disponiamo di un ampio ventaglio di misure legislative sulla pesca, ma non viene assicurato il loro compimento». E’ l’amaro commento di Xavier Pastor, Direttore esecutivo di Oceana sul documento presentato dalla Commissione Europea al Parlamento e al Consiglio d’Europa relativo al compimento della Politica Comune della Pesca (Pcp) durante il periodo 2003-2005, da parte degli stati membri. Il rapporto evidenzia i punti caldi di “inadempienza” della Pcp che bisogna implementare.

Il rapporto riconosce, tra l’altro, che in Paesi dell’Unione Europea come Italia, Francia, Spagna o Grecia, si continua ad utilizzare le reti derivanti per la cattura di specie altamente migratorie. Dal 2002 questa pratica è vietata ai pescherecci comunitari e nelle acque europee.. L’affermazione avvalora le denunce che Oceana sta portando avanti dal 2005, frutto delle campagne condotte nel Mediterraneo a bordo del catamarano di ricerca Oceana Ranger.

Oceana ha rilevato, documentato e denunciato tanto l’attività di almeno 71 pescherecci italiani e 37 francesi che utilizzano reti derivanti nelle acque del Mar Mediterraneo nella totale impunità, quanto le ingenti sovvenzioni da essi ricevute prima del divieto, volte alla riconversione di queste reti in altri attrezzi da pesca.

«l continuo utilizzo di reti derivanti da parte della flotta europea – ha detto Xavier Pastor - mette in dubbio l’efficienza di qualsiasi misura adottata nel quadro della Politica Comune della Pesca».

Il documento rivela inoltre le carenze nel controllo della tracciabilità dei prodotti ittici e della loro commercializzazione, carenze più evidenti quando si tratta di prodotti ittici importati. In questo modo nel mercato dell’Unione Europea entrano grandi quantità di prodotti ittici senza nessuna informazione riguardo origine, e metodo di estrazione. Da qui la richiesta di Pastor per un miglioramento delle misure di controllo»

Torna all'archivio