[05/03/2007] Comunicati

Giobbe Covatta testimonial per l´eco-cooperazione ambientale

ROMA. «Accetto con entusiasmo questa proposta consapevole del fatto che il problema ambientale, a cominciare dal cambio climatico, non è certo questione accademica o romantica ma è diventata a tutti gli effetti una priorità mondiale. Dobbiamo impegnarci oggi a tutti i livelli perché fra poco tempo potrebbe essere inutile farlo visto a che velocità avanza l’allarme clima». Con queste parole il popolare attore Giobbe Covatta (Nella foto) ha commentato la sua nomina in qualità di testimonial per l’attività di cooperazione ambientale.

A nominarlo è stato il ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Alfonso Pecoraro Scanio. «Sono particolarmente soddisfatto per la sua disponibilità - ha dichiarato Pecoraro Scanio –. Il Ministero dell’Ambiente opera già in molti paesi con progetti per la sostenibilità ambientale. La passione e l’esperienza di Giobbe Covatta nel settore della cooperazione sarà davvero preziosa. In particolare chiederò a Giobbe di contribuire a far crescere consapevolezza e sensibilità per programmi in Amazzonia e in Africa, dove a causa dei cambiamenti climatici in atto la necessità di un impegno internazionale è fondamentale».

Giobbe Covatta è da molti anni impegnato a sostegno di attività di Ong nell’ambito della cooperazione con i paesi in via di sviluppo. E’ infatti testimonial dal 1994 di Amref, un’organizzazione non governativa internazionale fondata alla metà del XX secolo e tutt´oggi attiva, che si propone di portare assistenza medica alle popolazioni delle regioni povere dell´Africa.

Giobbe Covatta ha deciso, proprio per via del nuovo incarico, di dimettersi da consigliere comunale (Roma) lasciando il posto al primo dei non eletti, Luigi Di Cesare. Covatta era stato eletto nel 2006 con i Verdi e continuerà comunque, con la delega del sindaco, a portare avanti progetti riguardanti il Terzo Mondo.

Prosegue dunque, come greenreport ha spesso sottolineato, la ricerca da parte della politica di personaggi famosi (talvolta basta anche pseudo-famosi) per portare avanti le battaglie ambientaliste. Non sembra assolutamente passare di moda l’idea-dogma secondo cui "se si vuole che si parli di ambiente bisogna prendere un valido testimonial". Un modus operandi che non è certo solo della politica, ma che della politica mostra il lato debole: la non efficacia dei suoi messaggi per lanciare i quali, appunto, deve ricorrere a qualcuno che gode (?) di più credibilità.

Tutto questo non per criticare Giobbe Covatta persona più che stimabile e che ha fatto dell’impegno umanitario una sua ragione di vita parallela e forse anche più importante di quella da attore. E al quale auguriamo (e ci auguriamo) che in questo nuovo ruolo ottenga il massimo dei risultati a tutti i livelli.

Torna all'archivio