[23/01/2007] Comunicati

Firenze, la Provincia pubblica una guida delle aree protette

FIRENZE. E’ stata pubblicata dall’Amministrazione provinciale di Firenze la «Guida delle aree protette e biodiversità sul territorio della provincia di Firenze». Partendo dal Padule di Fucecchio, la più estesa ed una delle più importanti tra le “aree umide” interne italiane dove la combinazione tra ricchezza di acqua, posizione ed orografia ha determinato la formazione di un microclima particolarissimo, che costituisce l’habitat per un’inestimabile ricchezza biologica in cui convivono vegetali e animali di estrema diversità, fino a presenze relittuali di specie comparse con le glaciazioni del Quaternario. Per arrivare all’Oasi di Gabbianello in comune di Barberino di Mugello, localizzazione primaria per il passaggio e la sosta nelle rotte migratorie attraverso gli Appennini, dove si fermano i fenicotteri.

Passando attraverso la Piana dove viene smentita l’immagine assai comune di una zona irreparabilmente compromessa dall’intervento umano, per chi conosce gli Stagni di Focognano o il Podere La Querciola. Queste sono solo alcune delle umide protette censite e riportate nella guida. «Le aree naturali protette hanno una capacità di attrattiva sempre più evidente – spiega l’assessore Luigi Nigi – sia per il valore in sé che per l’inserimento integrato nel paesaggio urbano e rurale del territorio di Firenze, al cui valore di insostituibile pregio contribuiscono in maniera determinante».

Il livello scientifico delle classificazioni ambientali, storico-geologiche, della flora e della fauna, non limita affatto la piacevole curiosità della lettura e l’effetto sorpresa nello scoprire il tesoro di una natura che davvero ci circonda perché si trova a poca distanza da noi, raggiungibile anche a piedi o in bici dalla città, come nel caso dell’area protetta del Torrente Terzolle subito sopra a Careggi, o in quella del Torrente Mensola nei pressi di Coverciano. Il volume, curato da Gianni Bettini e Barbara Gargani dello Studio Biosfera, risponde ad un’esigenza di definizione e classificazione delle aree: si apprende così che in provincia di Firenze c’è un sistema delle aree protette costituito da una Riserva naturale provinciale e 12 Anpil (aree naturali protette di interesse locale, di cui 5 aree umide e 7 aree collinari o montane), che si affiancano e talvolta si sovrappongono alla rete di Siti di interesse regionale mirati a funzioni di protezione di habitat e di specie determinate.

La superficie protetta, 9600 ettari, è pari al 3 per cento della superficie totale del territorio provinciale. La guida tascabile, distribuita gratuitamente, riporta per ogni area indicazioni di come si arriva, dei luoghi da non perdere e degli itinerari consigliati, dei numeri utili dove ci sono uffici informazione, fino ai testi da consultare.

Torna all'archivio