[09/02/2006] Rifiuti

Basta sacchetti di plastica nelle isole

LIVORNO. Domani la terza commissione della Provincia di Livorno è convocata per discutere la mozione presentata dal consigliere Ds Valerio Campioni su un progetto per l´eliminazione dell´uso della plastica nelle isole dell´Arcipelago toscano.
E´ il primo risultato dell’iniziativa “Stop ai sacchetti di plastica nelle isole" lanciata da Legambiente lo scorso anno.

«Esiste già un esempio positivo accanto a noi – dice Gian Lorenzo Anselmi presidente di Legambiente Arcipelago Toscano – quello della Corsica che ha ridotto in pochissimi anni l’uso delle borsine di plastica dell’80%. Non ci nascondiamo che sarà un lavoro lungo perché occorre coinvolgere non solo i cittadini delle isole ed i turisti, ma soprattutto le amministrazioni locali, la grande distribuzione ed i commercianti, in un grande progetto di consumo sostenibile che però sarà anche una grande operazione di immagine turistica per le isole che sapranno cogliere l’occasione».

Secondo Legambiente il sacchetto di plastica può tranquillamente essere rimpiazzato da un sacchetto riutilizzabile o biodegradabile in amido di mais, non geneticamente modificato (100% compostabile) o da sacchetti in carta riciclata non sbiancati con il cloro e, soprattutto, dalla tradizionale cesta della spesa e dai sacchetti in tessuto.

L’iniziativa è accompagnata da un dettagliato dossier che fa una panoramica delle iniziative internazionali contro l’uso indiscriminato dei circa mille miliardi di sacchetti di plastica che sono fabbricati ogni anno nel mondo.
Questi sacchetti sono costituiti per la maggior parte di polietilene o, più raramente di PP (polipropilene) o di PVC (polivinile cloruro).

Queste materie prime derivano al 100% da prodotti petroliferi e non sono biodegradabili.
Ci vuole meno di un secondo per fabbricare un sacchetto di plastica che resterà mediamente 20 minuti nelle mani del consumatore e ci metterà quasi 400 anni per sparire nella natura.

A questo inquinamento visivo si deve aggiungere per la fauna marina la mortalità indotta, poiché soprattutto delfini e tartarughe, li confondono, li inghiottiscono e muoiono di occlusione intestinale o di soffocamento. Quando questi sacchetti non vengono puramente e semplicemente abbandonati, sono gettati in discarica o vengono inceneriti. Contribuiscono così all’inquinamento del nostro ambiente e nelle isole minori producono un impatto notevole sul paesaggio, il mare, le coste.

Torna all'archivio