[03/11/2006] Consumo

Pesticidi: 17 associazioni chiedono a Lidl di adottare i controlli di qualità tedeschi in tutte le filiali Ue

ROMA. La catena di supermercati Lidl effettua controlli serrati sui residui di pesticidi nei cibi dei prodotti venduti in Germania, ma a quanto pare non succede altrettanto nel resto dell’Europa, almeno a quanto dicono Legambiente ed altre 16 associazioni ambientaliste e di consumatori che chiedono a Lidl di estendere agli esercizi presenti nel nostro Paese le misure e gli standard già adottati dall’azienda in Germania alle filiali di altri 12 Paesi europei.

«La vostra azienda - scrive Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente - ha cominciato a introdurre alcune misure volte a ridurre i residui di pesticidi nei cibi freschi venduti nei supermercati Lidl in Germania. Ha adottato un esteso sistema di controlli di qualità e un nuovo standard aziendale che riduce i residui di pesticidi in prodotti freschi a un terzo degli attuali limiti massimi di legge stabiliti in Germania e ha cominciato a vendere alimenti freschi e del commercio equo Fair Trade in tutta la rete tedesca. Ci rivolgiamo a Lei per chiedere l’applicazione di queste misure e standards anche nei supermercati LIDL presenti nel nostro paese».

La preoccupazione delle associazioni è per i residui di pesticidi al di sopra del limite legale riscontrati in tutti i paesi europei negli alimentari e in molti prodotti di origine vegetale. Legambiente ogni anno pubblica il rapporto “pesticidi nel piatto” e con “agricoltura italiana di qualità” promuove i prodotti vegetali convenzionali privi di residui chimici. Per l’associazione ambientalista «il 46% della frutta e il 15,5% della verdura del nostro paese è contaminato da residui chimici, e in molti casi sullo stesso prodotto sono presenti residui di più principi chimici. Ma sul mercato, l’alternativa c’è. L’Italia è leader in Europa per le produzioni biologiche e la lotta integrata, e da tempo sono in vendita vegetali e derivati, sia biologici che non, privi di residuo chimico».

Torna all'archivio