[25/10/2006] Urbanistica

Monticchiello, i costruttori chiedono 1 milione di risarcimento

PIENZA (Siena). La guerra del cemento sembra ripartita da Monticchiello e non risparmia colpi di scena. A pochi giorni dal convegno nazionale sull’urbanistica è la ditta costruttrice ad alzare il tiro chiedendo un milione di euro di risarcimento a Legambiente "colpevole" di aver definito “ecomostro” il villaggio di villette a schiera in costruzione nel piccolo centro del senese.

Tra i citati per danni c’è anche il presidente nazionale dell’associazione ambientalista, Roberto Della Seta che dice di capire «che l’impresa non abbia gradito la nostra presa di posizione, e che avrebbe preferito proseguire senza troppo clamore nella costruzione dei quasi 100 nuovi appartamenti. Ma il mestiere di Legambiente è tutelare il paesaggio italiano come valore e anche come risorsa su cui costruire un futuro di sviluppo sostenibile e di benessere, e questo mestiere continuiamo a svolgerlo anche se a qualcuno non va bene».

Per il Cigno verde quello di Monticchiello «è un campanello d’allarme sul rischio che anche un territorio di grande pregio come la Val d’Orcia venga omologato a tanti, troppi lembi di Italia ingessata nel cemento. Per questo abbiamo scelto proprio Monticchiello per tenere sabato prossimo un convegno nazionale, che promuoviamo insieme alle altre associazioni ambientaliste e nel quale discuteremo con gli amministratori locali e regionali e con il ministro dei beni culturali Francesco Rutelli dei modi più efficaci per valorizzare quel bene unico e irriproducibile rappresentato dal paesaggio storico italiano».

Torna all'archivio