[18/10/2006] Consumo

Wwf: all´origine del cancro al seno anche i falsi ormoni?

Il cancro al seno potrebbe avere origine dal cosiddetti ‘falsi ormoni’. Lo rivela uno studio commissionato dal Wwf Gran Bretagna alla London University. I distruttori endocrini (detti appunto "falsi ormoni") presenti negli inquinanti chimici, sono sostanze di sintesi non prodotte dall´organismo umano in grado di mimare gli ormoni naturali

Lo studio realizzato dal dott. Andreas Kortenkamp, responsabile del centro di Tossicologia della scuola di Farmacia della London University, mostra che meno della metà dei casi di cancro al seno può essere imputata a fattori legati allo stile di vita o alla genetica. E´ proprio di questi giorni, tra l´altro, la notizia - diffusa dall´Istituto Superiore di Sanità - secondo cui i casi di tumori alla mammella sono aumentati nel nostro Paese del 29%.

Nel mirino, come detto, potrebbero esserci i distruttori endocrini, prendendo in esame la loro azione in due scenari chiave: il primo è il cosiddetto "effetto cocktail" che si rileva quando c´è un´esposizione simultanea a diverse sostanze chimiche con proprietà estrogeniche (ossia che ´agiscono come estrogeni´ -ormoni naturali prodotti dalle ovaie) e il secondo è l´esposizione ai contaminanti durante le fasi di maggiore sensibilità, vale a dire durante la pubertà e lo sviluppo intrauterino.

«Un recente studio condotto in Spagna - avverte il prof. Kortenkamp – ha dimostrato che è possibile associare il rischio di cancro al seno unicamente al carico di sostanze chimiche estrogeniche presenti nell´organismo, escludendo del tutto gli ormoni naturali. Questa è la prima prova del fatto che i contaminanti ambientali con proprietà estrogeniche ´accidentali´, e non solo gli ormoni naturali o gli estrogeni farmaceutici, possono contribuire allo sviluppo del cancro al seno».

Lo studio sottolinea con forza la necessità di una legislazione rigorosa per il controllo delle sostanze chimiche con proprietà di distruttori endocrinipresenti in oggetti e prodotti di uso quotidiano: dai biberon ai cosmetici.

L´Ue, come noto, sta perfezionando l´iter legislativo che dovrà portare all´approvazione di Reach (Registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanzechimiche) e il Wwf esercita ogni pressione perché Reach non tradisca il suo originario obiettivo: proteggere l´uomo e l´ambiente dagli inquinanti chimici pericolosi. "Più che mai ora è necessario approvare una legge rigorosa di controllo delle sostanze chimiche in sede europea - dichiara Michele Candotti,segretario generale Wwf Italia - Sarebbe oltraggioso se i governi europei non prendessero sul serio la salute dei propri cittadini, consentendo l´uso di distruttori endocrini anche laddove siano disponibili alternative più sicure. Ora il testimone è nelle mani dei Ministri Ue che non potranno trascurare la volontà del Parlamento».

Torna all'archivio