[16/10/2006] Consumo

Nautica sostenibile, firmato un protocollo a Genova

GENOVA. Legambiente e Ucina (Unione cantieri e industrie nautiche e affini) hanno siglato a Genova, durante il Salone internazionale, un importante protocollo d’intesa per lavorare insieme alla sostenibilità della nautica e alla tutela delle aree marine protette, anche attraverso una normativa più semplice ed efficace.

«Un patto all’insegna di ambiente e nautica per chiudere un salone che ha visto per la prima volta la partecipazione del ministro dell’Ambiente - commenta Roberto Della Seta, presidente di Legambiente, firmatario del protocollo insieme ad Anton Albertoni, presidente di Ucina – a testimonianza dell’interesse degli organizzatori nei confronti dell’ambiente e della loro volontà di far crescere il settore nella direzione giusta: quella della sostenibilità e degli investimenti ecocompatibili».

Carburanti ecologici, motori fuoribordo a basso impatto, porti “a secco” per i natanti e campi boe telematici sono infatti alcune delle voci che hanno trovato particolare eco in questa edizione del Salone.

Facendo riferimento a un concetto di sviluppo caro a Legambiente, quello della soft economy, il presidente di Ucina, Anton Albertoni ha sottolineato «l’importanza di una collaborazione attiva con il mondo dell’ambientalismo per un settore, come quello della nautica, in continuo sviluppo grazie agli investimenti in tecnologie sempre più sofisticate e rispettose dell’ambiente».

Torna all'archivio