[03/10/2006] Consumo

Cerchi nei campi ogm, non alieni ma Greenpeace

ROMA. Questa volta non c’è alcun mistero e gli autori dei giganteschi cerchi nei campi di mais apparsi in queste ore in varie parti del mondo si conoscono benissimo: si tratta degli attivisti di Greenpeace, che hanno preso di mira coltivazioni ogm in Spagna, nelle Filippine e in Messico.

A Zuera (Saragoza), nella Spagna settentrionale, è stato tracciato un cerchio nel grano per identificare «il campo sperimentale, posto a pochi centimetri di distanza dalle coltivazioni a scopo alimentare, che rappresenta una minaccia per il nostro cibo e per l’ambiente». Federica Ferrario, responsabile campagna Ogm di Greenpeace ha poi ricordato che «la contaminazione da riso geneticamente modificato ha già causato enormi disastri ai contadini americani, perchè vogliamo che anche il mais faccia lo stesso?».

A Isabela, nelle Filippine, gli attivisti di Greenpeace hanno invece disegnato una M barrata su un campo per segnalare che quella è una zona vietata alla Monsanto. I contadini locali si sono riuniti per protestare contro il colosso del biotech che, nonostante il divieto di coltivazione Ogm, ha promosso in quella zona una forte campagna di sensibilizzazione a favore del mais geneticamente modificato. La Monsanto sostiene che gli agricoltori possono incrementare i propri introiti grazie alla coltivazione di mais Ogm, eppure dopo un anno di sperimentazione le promesse della Monsanto si sono rivelate infondate.

A Jocotitlàn, in Messico, è stato tracciato un enorme NO (nella foto) in segno di protesta contro la Monsanto e contro la proposta di eliminare la moratoria in atto contro la coltivazione di mais Ogm. «Il Messico è la culla della biodiversità del mais a livello mondiale, se la Monsanto riuscisse ad ottenere il permesso di introdurre nel nostro paese mais Ogm, ne deriverebbe la contaminazione genetica delle varietà di mais tradizionali. Ci impegneremo affinché questo non accada» ha dichiarato Gustavo Ampugnani, responsabile messicano della campagna Ogm.

Torna all'archivio