[25/08/2006] Urbanistica

Wrec, da Firenze un grattacielo girevole che produce energia

FIRENZE. Un edificio di 59 piani che ruota e genera energia elettrica. Il futuro è oggi per il gruppo di architetti fiorentini che lo hanno progettato - David Fisher, Fabio Bettazzi, Marco Sala con la partecipazione dell’ingegner Leslie Robertson - ed è anche sostenibile. La torre girevole, che sarà costruita a Dubai, è stata presentata stamani a Firenze nell’ambito delle iniziative del Wrec.

Presente anche l’assessore comunale all’ambiente Claudio Del Lungo. Lesile Robertson è il progettista strutturale del "World Trade Center" di New York e di numerosi altri grattacieli.

Tante le particolarità davvero avveniristiche dell’edifico che diventerà un albergo. A partire dal fatto che ognuno dei 59 piani ruota in maniera indipendente dagli altri, consentendo così, a chi ne occupa gli ambienti interni, di svegliarsi vedendo dalla propria camera da letto il sorgere del sole e di cenare dinanzi al tramonto.

Dal punto di vista della sostenibilità ambientale, però, la caratteristica più importante è che l’edificio genera energia elettrica, poiché tutti i suoi piani sono simili a "mulini a vento" ed autoproduce così il 30 % dell´energia che gli è necessaria. Si tratta di una specie di grande parco eolico per orizzontale.

Quello che ci sentiamo di notare, senza voler entrare troppo in argomentazioni architettoniche che non ci competono, è che forse poteva essere indicato un maggiore sfruttamento degli impianti solari termici e fotovoltaici, di cui, stando alla documentazione, ce ne è davvero poca traccia.

Dal punto di vista ‘scenico’, invece, desta curiosità il fatto che non essendo i piani circolari, l´aspetto dell´edificio muta continuamente. «Si tratta, dunque, - dicono i progettisti - di un´opera architettonica dinamica, partecipe del dinamismo della natura stessa»

Un altro vantaggio è dato dal fatto che questo edificio, essendo costituito da piani singoli e distinti, dispone di una resistenza ed elasticità tali da dotarlo di una notevole componente antisismica. L´inventore della torre rotante e´ l´architetto Fiorentino David Fisher.

L’assessore del Lungo, durante la presentazione, ha sottolineato “Il piacere di che questa idea sia nata a Firenze”. Aggiungendo inoltre che, «pur nella consapevolezza che si tratta di un’architettura che non si integra con quella della città, per cui non si vedrà mai niente di simili a Firenze, si tratta comunque di un progetto di grande interesse».

Torna all'archivio