[23/08/2006] Rifiuti

Presentato il protocollo d´intesa per il Biscottino

COLLESALVETTI (Livorno). Il sindaco di Collesalvetti Nicola Nista e l’assessore all’ambiente Andrea Scardigli hanno illustrato stamani il protocollo di intesa che contiene le condizioni alle quali la piattaforma del biscottino sarà assegnata alla Btt, società di cui sono proprietari Ecomar ed Ecotec con il 35% ciascuno, Aamps con il 20% e Rea con il 10%.

In attesa delle autorizzazioni alla Btt, il Comune di Collesalvetti ha stabilito anche il canone annuo d’affitto che è pari a 90mila euro a partire dalla messa in attività, prevista non prima dell’anno 2008.

La piattaforma del Biscottino sarà utilizzata come previsto per il trattamento, la bonifica e l’avvio al recupero di terreni inquinati, secondo il processo «Ensolvex», che Ecotec ha brevettato congiuntamente ad Enitecnologie e che dovrebbe permettere la rimozione di contaminanti organici senza alterare le caratteristiche originarie del suolo.

In sostanza dopo un pre-lavaggio del terreno (soil-washing, impianto della potenzialità massima di 120 tonnellate/ora) per separare le frazioni più grossolane, il processo Ensolvex andrà ad agire sugli inquinanti concentrati nella frazione limo-argilla.

L’impianto avrà una capacità di trattamento (per terreni contenenti il 30% di limo-argilla) di 53 tonnellate/ora e prevede la possibilità di riutilizzare il 99,7 per cento del solvente (Etac, cioè etile acetato, selezionato sulla base delle caratteristiche di compatibilità con gli inquinanti, della capacità solvente, delle caratteristiche chimico-fisiche) ed il 95% di acqua.

Contestualmente a questo protocollo ne è stato annunciato un altro che verrà siglato con la Ecomar e che prevede la delocalizzazione dell’insediamento oggi a La Chiusa, che sarà spostato proprio nell’area del Biscottino, razionalizzando quindi la zona e allontanando l’attività industriale dai nuclei residenziali.

Torna all'archivio