[24/06/2009] Consumo

Pellet radioattivo, primi risultati delle analisi dell´Arpat

LIVORNO. Segnali positivi riguardo ai contenuti di radioattività nel pellet commercializzato in Toscana. I risultati delle analisi condotte da Arpat che sta effettuando una campagna di misure per valutare il contenuto di radioattività (cesio-137) nei pellet utilizzati e prodotti in Toscana, non ha infatti evidenziato valori di concentrazione piuttosto contenuti.

Meno buoni invece i risultati dei valori di concentrazione nelle ceneri, risultati più elevati, perché si legge in un comunicato dell’agenzia toscana «tendono a concentrare i componenti non volatili. Si tratta tuttavia - specifica la nota - in tutti i casi, di livelli che sono di molto inferiori a quelli riportati sulla stampa nel caso che ha dato l’avvio all’indagine della Procura di Aosta».

La vicenda dei pellet radioattivi era partita infatti da una segnalazione fatta ad Aosta da un cittadino che si era rivolto ai vigili del fuoco dopo che si era accorto che i pellet acquistati non bruciavano bene. Da cui la scoperta che l´eco-combustibile in questione, che in alcuni casi ha fatto rilevare una radioattività (dovuta alla presenza di cesio 137) cinque volte superiore alla soglia di tollerabilità, fa parte di una partita - non completamente contaminata - di 10 mila tonnellate giunte dalla Lituania nell´autunno scorso e distribuite da un importatore di Varese con il marchio Naturkraft Premium.

Le analisi effettuate dall’Arpat hanno preso in considerazione partite di pellet di marche e provenienze diverse e alcuni campioni di ceneri di combustione, consegnati all’Agenzia da cittadini o prelevati dai Vigili del fuoco, ma nessuno dei campioni è del marchio sequestrato .

«Le valutazioni di dose – specifica la nota dell’agenzia - sono ancora in corso insieme all’Ispra (Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale) e le altre Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, ma le prime indicazioni sono al di sotto della soglia di rilevanza radiologica».


Torna all'archivio