[22/06/2009] Comunicati

La green economy al centro del convegno al San Romano di Lucca

LUCCA. Solo imboccando la strada dell’economia ecologica sarà possibile uscire dalla crisi in modo permanente ed il mondo produttivo che in modo lungimirante ha deciso di volere cogliere la sfida, è chiamato ad uno sforzo innovativo anche culturale per rimanere competitivo. Le imprese a fronte di una normativa sempre più restrittiva (grazie agli input europei) in termini di rispetto dei parametri ambientali, hanno poi necessità di adeguarsi con un impiego di “energie” notevoli e di qualche sostegno almeno in termini di servizi. Questi sono i temi di estrema attualità che saranno al centro del convegno che si svolgerà il 26 giugno, all’Auditorium di San Romano, promosso dal Gruppo Sofidel (che ha aderito al programma internazionale ‘WWF Climate Savers’, che richiede un forte e concreto impegno a favore del clima, attraverso la riduzione dei consumi e la promozione dell’efficienza energetica ed il ricorso a fonti di energie rinnovabili) e patrocinato dalla provincia di Lucca. «La sostenibilità del business. L’ambiente come opportunità di innovazione, competitività e sviluppo» è il titolo dell’iniziativa che propone una riflessione approfondita sul tema in cui coinvolgere anche alcuni importanti stakeholder. Oltre al presidente della provincia Stefano Baccelli e Luigi Lazzereschi del gruppo Sofidel parteciperanno il direttore generale del Wwf Italia, Michele Candotti che parlerà di Climate Savers: il programma del Wwf per le grandi aziende’ e Riccardo Calducci, responsabile ambiente del Gruppo Sofidel, che illustrerà le iniziative dell’azienda nell’ambito della sostenibilità. Alla tavola rotonda moderata dal giornalista del ‘Sole 24 ore’ Jacopo Giliberto prenderanno parte lo stesso Candotti, Paolo Culicchi, presidente AssoCarta, Fabio Araldo, direttore di ricerca Istituto di Economia Politica dell’Energia e dell’Ambiente dell’Università Bocconi, Guido Morini, membro di Confindustria della Commissione ‘Environment’ di BusinessEurope, Teresa Presas, direttore generale Cepi, Confederation of European Paper Industries, Mario Tozzi, geologo e primo ricercatore del Consiglio nazionale delle ricerche e Tommaso Valente, direttore Csr e responsabile comunicazione gruppo Sofidel.

Torna all'archivio