[15/06/2009] Rifiuti

Trattamento rifiuti, nell´Ue la gara d´appalto non è sempre necessaria

LIVORNO. Se manca la gara d’appalto per l’attribuzione di servizi di trattamento di rifiuti non è detto che la normativa europea - che prevede come obbligatoria la procedura per l’aggiudicazione dei servizi pubblici – sia violata. Perché può accadere che si configuri una cooperazione fra enti locali - per cui la gara non è necessaria - finalizzata a realizzare gli obiettivi comunitari in tema di trattamento dei rifiuti (come il principio di prossimità).
E’ proprio su questa questione che la Corte di Giustizia europea si pronuncia dando torto alla Commissione europea e ragione allo Stato della Germania.

Il ricorso della Commissione infatti, riguarda il contratto stipulato tra i servizi per la nettezza urbana della città di Amburgo e i quattro Landkreise limitrofi destinato ad assicurare la messa in comune del trattamento dei loro rifiuti.
Lo scopo del contratto è quello di consentire alla città di Amburgo di costruire e di fare gestire un impianto di trattamento di rifiuti alle condizioni economiche più favorevoli grazie agli apporti di rifiuti dei Landkreise limitrofi, (il che permette di raggiungere una capacità di 320 000 tonnellate).

Invece l’oggetto del contratto, corrisponde nell’impegno dei servizi per la nettezza urbana della città di Amburgo (che non si assumono la responsabilità della gestione di tale impianto e non offrono alcuna garanzia a tal riguardo) di mettere, ogni anno, a disposizione dei quattro Landkreise una capacità di trattamento di 120 000 tonnellate di rifiuti ai fini della loro termovalorizzazione nell’impianto di Rugenberger Damm. Come corrispettivo del trattamento dei loro rifiuti nell’impianto di Rugenberger Damm, i quattro Landkreise interessati versano, ai servizi per la nettezza urbana della città di Amburgo, un compenso annuo le cui modalità di calcolo e di pagamento sono determinate nel contratto. Un contratto che regola anche altri aspetti del rapporto come le capacità di consegna e di presa in carico dei rifiuti e il diritto al risarcimento dei danni dei Landkreise.

Il contratto inoltre prevede anche altri impegni degli enti locali contraenti. I quattro Landkreise interessati, infatti, mettono a disposizione dei servizi per la nettezza urbana della città di Amburgo le capacità ricettive delle discariche che essi stessi non sfruttano al fine di ovviare alla mancanza di capacità ricettive delle discariche della città di Amburgo. E si impegnano inoltre ad accettare, nelle loro discariche, quantitativi di scorie dell’incenerimento non recuperabili in proporzione ai quantitativi di rifiuti da essi consegnati.

Ma non solo: nel contratto è stato previsto che, in determinate circostanze, come il sovraccarico occasionale dell’impianto interessato, i quattro Landkreise interessati s’impegnino a ridurre i quantitativi di rifiuti consegnati ed accettino così di limitare il loro diritto di accesso all’impianto di incenerimento.
Questo perché da un lato, lo smaltimento dei rifiuti della città di Amburgo deve essere assicurato prioritariamente e, dall’altra, devono essere disponibili capacità presso altri impianti ai quali i servizi per la nettezza urbana della città di Amburgo hanno accesso.
E’ chiaro dunque che il contratto controverso istituisce una cooperazione tra enti locali «finalizzata a garantire l’adempimento di una funzione di servizio pubblico comune a questi ultimi, ossia lo smaltimento di rifiuti».

Il contratto infatti costituisce tanto il fondamento quanto il quadro giuridico per la costruzione e la gestione future di un impianto di termovalorizzazione dei rifiuti. E’ stato stipulato soltanto da autorità pubbliche senza la partecipazione di una parte privata e non prevede né pregiudica l’aggiudicazione degli appalti eventualmente necessari per la costruzione e la gestione dell’impianto di trattamento dei rifiuti, ma è finalizzato ad adempiere agli obblighi derivanti dalla disciplina dei rifiuti fra cui quello ispirato al principio di prossimità (per cui gli enti devono impegnare ad assicurare la funzione di smaltimento dei rifiuti).

Torna all'archivio