[23/05/2006] Consumo

La Cia: «Contro le fragole italiane terrorismo alimentare»

FIRENZE. La Confederazione italiana agricoltori (Cia) lancia l’allarme: dopo le notizie diffuse da stampa e Tv che segnalavano presenza di pesticidi sul prodotto, il mercato delle fragole italiane sta crollando e le fragole spagnole, greche, turche e del nord Africa invadono le nostre tavole. Si è verificato un calo record dei prezzi pagati agli agricoltori italiani: meno di un euro al chilo.

La Cia respinge tutte quelle notizie di "terrorismo alimentare" che creano solo disorientamento e sollecita «un’informazione chiara e trasparente per evitare che a rimetterci, insieme ai consumatori, siano i produttori italiani che in questi ultimi anni hanno già subito conseguenze pesanti con il crollo dei prezzi e i forti aumenti produttivi e previdenziali. Il tutto si è tradotto in un “taglio” netto dei redditi».

«Le fragole italiane - conclude la Cia - sono comunque sicure sia in qualità che salubrità.
Esse vengono sottoposte a continui e quotidiani controlli operati nelle aziende da strutture sanitarie competenti. Cosa che non si può certo dire di quelle d’importazione, specie dai Paesi del Nord Africa, dove si fa ancora uso di pesticidi e di prodotti chimici che da noi sono banditi da tempo».

Torna all'archivio