[18/05/2006] Rifiuti

De Zordo: «Il sequestro di Taranto rafforza il no all´incenerimento»

FIRENZE. «La magistratura di Taranto ha sequestrato l’inceneritore della città perché inquina l’atmosfera con pericolose emissioni di acido cloridrico, acido fluoridrico e ossido di carbonio; ciò è avvenuto nonostante l´impianto sia rimasto chiuso per oltre quattro mesi proprio per poterne adeguare la sicurezza agli ultimi standard. Questo, per Unaltracittà-Unaltromondo, vuol dire semplicemente che le tecnologie più avanzate oggi a disposizione non tutelano fino in fondo la salute dei cittadini, come spesso anche qualche amministratore fiorentino lascia invece intendere». Lo dice Ornella De Zordo, capogruppo di Unaltracittà-Unaltromondo commentando l´operazione, condotta dalla Guardia di Finanza, che ieri ha portato al sequestro dell’inceneritore della città pugliese. «Questa notizia – ha aggiunto – arriva in un momento delicato per Firenze e i comuni della piana. Un momento in cui è necessario rivedere il piano dei rifiuti alla luce di tecnologie di smaltimento alternative all’incenerimento, come i processi a freddo».

Torna all'archivio