[16/05/2006] Consumo

Dalla Grecia alla Toscana per discutere di agricoltura di qualità

FIRENZE. Dalla Grecia in Italia, partendo dalla Tessaglia e arrivando in Toscana. Un viaggio nel segno di un rapporto di collaborazione che si rafforza e che guarda con interesse all’agricoltura della nostra regione. Da ieri è a Firenze la delegazione greca, guidata dal presidente della Provincia di Larissa, Loukas Katsaros, e composta da figure importanti del comparto agro-alimentare della Tessaglia: cooperative agricole, attività vitivinicole, produzioni casearie. Oggi, insieme alla Commissione agricoltura del Consiglio regionale presieduta da Marco Remaschi, la delegazione visiterà l’azienda agricola «Il Forteto» (Mugello), leader nel settore della zootecnia e della produzione casearia e, nel pomeriggio e le tenute vinicole di Pomino (Rufina) e Nipozzano (Pelago)

Domani, appuntamento col presidente della Provincia di Firenze Matteo Renzi e con l’assessore all’agricoltura, prima dell’incontro istituzionale con il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini, con l’assessore all’agricoltura Susanna Cenni e la Commissione agricoltura del Consiglio regionale della Toscana. Nel pomeriggio la delegazione apprezzerà uno dei modi di valorizzare l’agricoltura e di tenere le persone radicate sul territorio, toccando con mano la realtà dell’azienda agrituristica «La Borraccia» e della città di San Gimignano. La visita si concluderà giovedì.

La provincia greca di Larissa è una delle quattro della Tessaglia, la regione che occupa la parte centrale della Grecia continentale. Larissa è la provincia con la maggior estensione a superficie coltivata, con la produzione di una vasta gamma di prodotti di qualità: grano duro, cotone, barbabietola da zucchero, granoturco, pomodoro da industria, tabacco, legumi. Tutto il territorio è coltivato nel segno delle buone pratiche agricole e ambientali: l’allevamento contribuisce in modo preponderante all’economia della provincia, con molte specie animali ed eccellenti e rinomati prodotti lattiero-caseari.

Torna all'archivio