[15/01/2009] Rifiuti

Educazione ambientale: la Regione sceglie il tema rifiuti

FIRENZE. In sintonia con la campagna di educazione allo sviluppo sostenibile proclamata dall´ONU e gestita e coordinata dall´Unesco, anche la Toscana metterà il tema rifiuti al centro della programmazione delle iniziative di educazione ambientale per l’anno scolastico 2008-2009. Gli assessori all´istruzione, formazione e lavoro Gianfranco Simoncini e all´ambiente Annarita Bramerini (Nella foto), hanno proposto i nuovi indirizzi di educazione ambientale (approvati dalla giunta) che contengono, per la prima volta, indicazioni su un tema specifico. L´obiettivo è quello di coinvolgere in modo integrato enti locali, istituzioni pubbliche e tutti i soggetti interessati sul territorio nella gestione dei rifiuti, in modo da programmare percorsi di formazione ed informazione e contemporaneamente diffondere buone pratiche agli stakeholders più giovani.

«Abbiamo deciso di potenziare gli strumenti a disposizione dei territorio - informa l´assessore all´istruzione Gianfranco Simoncini - sia con un sensibile aumento delle risorse finanziarie, sia con la riconferma di un metodo di lavoro, quello del patto con il territorio, che ha già dato buoni frutti nella prima fase di sperimentazione nell´anno scolastico 2007-2008. Quello che vogliamo fare è coinvolgere tutte le province toscane, attraverso la stipula di un patto, nella definizione dei progetti di educazione ambientale destinati agli studenti delle scuole e ai cittadini toscani. La progettazione locale- continua Simoncini- non avviene più come in passato attraverso bandi pubblici, ma parte dal basso, attraverso un confronto che consenta di non disperdere il patrimonio di esperienze accumulato negli anni e di favorire la partecipazione ai progetti di tutti i soggetti che operano nei vari territori». L’assessore Bramerini spiega i motivi della scelta dell’argomento: «La gestione dei rifiuti è un tema di grande attualità e importanza, oltre ad essere trasversale rispetto alle politiche della Regione Toscana. Abbiamo ritenuto opportuno concentrare su questo argomento gli interventi di educazione ambientale nell´anno scolastico 2008-2009- continua l’assessore all’ambiente- e promuovere così sia l´educazione delle giovani generazioni, sia la diffusione di buone pratiche. Gli obiettivi specifici che abbiamo individuato sui rifiuti sono otto: azioni di prevenzione, produzione e consumo sostenibile, comportamenti ambientalmente compatibili, coscienza del riciclo, corrette modalità per la raccolta differenziata, conoscenza del ciclo dei rifiuti e del sistema impiantistico finalizzato al trattamento, recupero (anche energetico) e smaltimento dei rifiuti urbani, riutilizzo materiale recuperabile». Complessivamente le risorse economiche destinate alle azioni locali di educazione ambientale ammontano ad oltre 688 mila euro, con un incremento di circa 150 mila euro rispetto alla precedente programmazione.

Torna all'archivio