[26/11/2008] Rifiuti

Il potenziamento dell´inceneritore di Poggibonsi premiato dall´associazione Pimby

La provincia di Siena e Sienambiente si sono aggiudicate il premio Pimby promosso dall’omonima associazione che intende premiare annualmente le esperienze che abbiano «meglio interpretato lo spirito di innovazione sul tema di impianti e infrastrutture nel rispetto della partecipazione dei cittadini e della salvaguardia dell´ambiente».
E in questo caso il premio è stato assegnato per il potenziamento del termovalorizzatore di Poggibonsi.

«Pimby premia per il secondo anno consecutivo quelle amministrazioni virtuose che hanno contribuito a dare un input allo sviluppo del nostro Paese - spiega Chicco Testa direttore di Rothschild Spa e presidente del comitato scientifico di Associazione Pimby - In Italia la destrutturazione dei meccanismi decisionali rende di fatto difficile qualsiasi grande progetto che venga dall’opinione pubblica percepito come potenzialmente rischioso. Ciò che è normale in altri Paesi d’Europa, da noi appare come un’impresa miracolosa, anche se ammiriamo le infrastrutture dei nostri vicini. Dobbiamo lavorare per una semplificazione delle procedure e per una maggiore condivisione dei progetti con le comunità locali.

Delle 23 amministrazioni che hanno partecipato all´edizione 2008 del Premio Pimby ne sono state selezionate quattro, una per ogni macro categoria di infrastrutture: energia, rifiuti, mobilità, trasformazioni sul territorio. E proprio il termovalorizzatore di Poggibonsi gestito da Sienambiente, la società nata nel 1988 su iniziativa degli Enti locali senesi, si è aggiudicato il premio per la categoria “gestione dei rifiuti”.

«Ricevere questo riconoscimento - afferma Lucia Coccheri, Presidente Sienambiente SpA - è un fatto di grande soddisfazione per l’azienda che rappresento, ma soprattutto per la comunità senese. La trasparenza del percorso di realizzazione del piano provinciale, la consapevolezza condivisa sui problemi da risolvere, il rapporto fiduciario dei cittadini con le istituzioni e verso il gestore ha reso possibile il raggiungimento degli obiettivi che nel corso degli anni ci siamo dati in materia di gestione dei rifiuti; Senza tutto ciò tantomeno avremmo potuto realizzare l´ultimo, fondamentale tassello del piano di gestione rifiuti della Provincia di Siena che è costituito dal potenziamento del termovalorizzatore di Poggibonsi. Quello inaugurato lo scorso settembre è un esempio di tecnologia di ultima generazione – prosegue la presidente di Sienambiente - capace di smaltire 70 mila tonnellate di rifiuti indifferenziati e selezionati all’anno, grazie al lavoro di 26 persone. L’impianto di Foci produrrà anche energia per un consumo domestico equivalente di 43.000 abitanti e l’energia venduta andrà ad abbattimento della tariffa di igiene urbana. Un impianto che è dotato delle migliori tecnologie di sicurezza, insieme ai più evoluti sistemi di monitoraggio e controllo dei parametri ambientali e di funzionamento. Un sistema di riduzione degli ossidi di azoto di tipo catalitico, una griglia raffreddata ad acqua per la corretta combustione di materie ad alto potere calorifero, analizzatori in continuo di ammoniaca e mercurio e campionatori in continuo di diossine: tutto questo a garanzia di un percorso produttivo le cui emissioni saranno ben al di sotto dei limiti di legge».

«Questo premio – aggiunge Fabio Ceccherini, presidente della Provincia di Siena - oltre a farci naturalmente molto piacere, consente di affrontare con spirito positivo la sfida dell’Ato grande del sud della Toscana, nella certezza però che non va abbassato il livello raggiunto dalle singole aree ma ognuno deve mettere a disposizione i propri risultati per permettere a tutti significativi miglioramenti».

Torna all'archivio