[24/10/2008] Rifiuti

Il disperante verdetto della Probo Koala

LIVORNO. Il verdetto del processo per i rifiuti tossici della "Probo Koala" scaricati nel 2006 ad Abidjan, la capitale della Costa d´Avorio, e che costarono la vita a 17 persone, ha deluso molti. Il tribunale non ha accolto la richiesta fatta dal Procuratore generale nella sua requisitoria e non ha comminato nessun ergastolo.
Ugborugbo Salomon Amejuma, direttore generale della società Tommy, responsabile dello sversamento di rifiuti tossici, una delle scatole cinesi che attraverso Puma Energy portano direttamente alla Trafigura, è stato condannato a 20 anni di prigione e a 10 anni di interdizione dal territorio della Costa d´Avorio. Essoin Kouao Désiré, agent shipping presso Waibs, ha avuto una condanna a 5 anni di prigione e a 10 anni di privazione dei diritti civili.

Altre sette persone, tra responsabili portuali, funzionari goovernativi e locali e tecnici sono stati assolti.

Intanto è iniziato il processo civile per definire danni e risarcimenti i parenti delle vittime e i le migliaia di cittadini che hanno subito danni a causa dello sversamento di rifiuti tossici chiedono a Trafigura, Puma Energy e Tommy 2900 miliardi di franchi Cfa.

I giornali ivoriani sottolineano che dopo il processo rimangono molti interrogativi. Chi pagherà per tutti i rifuiti tossici che vengono scaricati in Africa da almeno 25 anni? E perché Trafigura, la società europea che è la vera responsabile del disastro che ha ucciso e fatto ammalare gravemente molte persone, alla fine ne è uscita fuori così a buon mercato, scaricando tutto sui suoi factotum africani?

«Non è mai stata disturbata durante il processo - scrive "L´Observateur Paalga" - I 100 miliardi (di franchi Cfa) che ha pagato allo Stato ivoriano sono stati giudicati sufficienti per fermare le azioni giudiziarie. In definitiva, questo processo che voleva essere esemplare ed espiatorio non ha fatto che rafforzare di tutti coloro che pensano che l´Africa è una pattumiera. Così, domani arriveranno ancora altre Probo Koala, sverseranno in qualche parte dell´Africa dei rifiuti dello stesso genere che uccideranno in tutta impunità le popolazioni. Disperante».

Torna all'archivio