[23/10/2008] Energia

Anche l´edilizia può essere un green job se investe nelle città sostenibili

LIVORNO. Il rapporto sul "Green job" che accompagna il lancio della Green global initiative dell´Unep, afferma che «Esistono enormi opportunità per il taglio delle emissioni di gas serra e la creazione di posti di lavoro. In alcuni paesi l´ambiente costruito è responsabile fino al 40% dell´utilizzo totale di energia. Una transizione mondiale verso edifici "energy-efficient " potrà creare milioni di posti di lavoro, cosi può "inverdire" il lavoro dei 111 milioni di persone che si stima lavorino già nell´edilizia».

Gli investimenti per aumentare l´efficienza energetica degli edifici potrebbero creare due milioni e mezzo di nuovi posti di lavoro solo negli Usa ed in Europa e molti di più nei Paesi in via di sviluppo. Diverse città del pianeta stanno già sperimentando forme di sviluppo sostenibile urbano, compreso i Bus rapid transport schemes (Brt). A Città del Messico il Brt schemes, insieme alle nuove misure per ridurre e gestire meglio il traffico cittadino, dovrebbe portare ad una riduzione dello smog e del particolato del 10%, con un beneficio annuale valutato in 750 milioni di dollari per le spese sanitarie. A Manila, la Capitale delle Filippine, il Marikina bikeway project, punta a raddoppiare gli spostamenti in bicicletta entro il 2015 attraverso un diverso sistema di traffico e si stima che per ognuno del 2 milioni di dollari investiti ci sarà un risparmio doppio per le spese sanitarie e altri benefici ambientali. E´ significativo che a finanziare i progetti ci siano anche la Banca mondiale ed Global Environment Facility che una volta tanto puntano al sostegno degli enti locali e dei redditi dei più poveri.

A Lima, in Perù, l´utilizzo due volte al giorno della bici per spostarsi, produce un risparmio di 7,60 dollari al mese, poco meno del 10% della bolletta energetica che paga in media ogni mese un abitante della capitale peruviana. Ma un migliore utilizzo delle informazioni tecnologiche richiede un governo e pianificazione e strumenti di mercato adatti.

Secondo l´Unep, gli alloggi ed i luoghi di lavoro dovrebbero essere concentrati lungo "transit hubs" in modo da abbreviare i percorsi dei bus e delle piste ciclabili. Congestion charging, parcheggi a pagamento e tassazione dedicata potrebbero essere vantaggiose per stimolare forme di trasporto urbano più efficienti., ma anche garantire una reale e continua manutenzione dei mezzi pubblici e privati può fornire vantaggi significativi in termini di riduzioni di emissioni di gas serra e qualità dell´aria.

A Rio de Janeiro , il miglioramento della gestione degli autobus a diesel ha portato risparmi annui per 40 milioni di litri di combustibile, con il 12´5% di risparmio di denaro pubblico, e 107.800 tonnellate in meno di CO2 emesse.

Torna all'archivio