[21/10/2008] Rifiuti

Da aprile anche in Italia stop ai termometri a mercurio

LIVORNO. Entro il 3 aprile 2009 l’Italia bloccherà la commercializzazione di termometri per la misurazione della temperatura corporea contenenti mercurio. Con il decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 18 ottobre l’Italia recepisce la direttiva europea che mette al bando le apparecchiature di misurazione contenenti mercurio perché pericolose e dannose per l’ambiente e la salute umana. Modifica il decreto del 1982 che regola le restrizioni all’immissione sul mercato e all’uso sul territorio nazionale di alcune sostanze e preparati pericolosi e inserisce il mercurio nell’elenco di tali sostanze e preparati.

In linea con il legislatore europeo il nuovo intervento del ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali prevede provvedimenti restrittivi immediati solo per le apparecchiature di misura destinate alla vendita al grande pubblico e in particolare per tutti i termometri per la misurazione della temperatura corporea. Limita solo l’immissione sul mercato di apparecchiature di misura nuove e non la vendita di seconda mano o di apparecchiature già in uso e neanche di quelle per cui non esiste ancora una alternativa più sicura e affidabile.

Infatti le altre apparecchiature di misura risalenti a più di 50 anni fa e i barometri possono essere ancora commercializzati. Così come gli sfingomanometri e altre determinate apparecchiature contenenti mercurio utilizzate nel settore sanitario e per usi industriali e professionali perché non sostituibili con altre apparecchiature.

Sarà la Commissione europea a esaminare la disponibilità delle alternative affidabili, più sicure e tecnicamente ed economicamente realizzabili. E sulla base dell’esame o non appena siano disponibili nuove informazioni sulle alternative valide la Commissione se nel caso, potrà presentare una proposta legislativa per estendere le prescrizioni in modo da eliminare gradualmente il mercurio dalle apparecchiature. Dunque l’eliminazione del mercurio dalle apparecchiature e l’introduzione delle restrizioni alla commercializzazione sono scelte legislative mirate ad impedire al mercurio di entrare nel flusso dei rifiuti, comportando benefici per l’ambiente e, a lungo termine, per la salute umana.

Torna all'archivio