[14/08/2008] Parchi

Piano per l´abbattimento selettivo di mufloni all´Elba e Capraia

PORTOFERRAIO (Livorno). Il parco nazionale dell´Arcipelago toscano ha approvato il piano di gestione della popolazioni di mufloni dell´isola d´Elba e Capraia per il periodo 2008 - 2001. Si tratta, dopo gli abbattimenti selettivi recenti, del primo piano dell´ente parco che affronta la situazione di vera e propria invasione dell´Elba occidentale e l´aumento della popolazione dei mufloni a Capraia in seguito alle introduzioni a fini "ornamentali" degli anni settanta di questi ungulati che stanno producendo estesi danni alle colture agricole e alla flora selvatica.

La necessitÓ di abbattimenti selettivi Ŕ emersa dopo una serie di censimenti che all´Elba hanno accertato la presenza di almeno 839 mufloni (quindi sono ancora di pi¨) e con un evidente aumento di maschi adulti, in un territorio ristretto alla porzione occidentale dell´isola (circa 6.500 ettari), il massiccio del Monte Capanne. La densitÓ di mufloni minima stimata ha ormai raggiunto i 14 capi per 100 ettari. A Capraia sono stati osservati 177 mufloni, ma con un rapporto pi¨ equilibrato tra maschi, femmine e piccoli e una densitÓ di 17 capi per 100 ha.

Tra il 2007 e il 2008 all´Elba sono giÓ stati prelevati 210 mufloni. All´Elba i danneggiamenti pi¨ estesi alle colture si registrano a Pomonte, Chiessi, Vallebuia e Patresi, mentre secondo il dipartimento di biologia vegetale dell´universitÓ di Firenze gli impatti maggiori sulla vegetazione naturale riguardano specie delicate come pungitopo e agrifoglio, ma anche giovani esemplari di lecci e castagneti ed alcuni ambienti prioritari dell´Unione europea .

Il piano di gestione prevede l´abbattimento selettivo e la cattura di 420 mufloni all´Elba, per permettere di riportare la popolazione a 600 capi nel 2009, e 45 a Capraia. Le operazioni verranno svolte in accordo con la provincia di Livorno e gli enti locali interessati ed utilizzando i selecontrollori formati dal parco e le trappole adibite anche alla cattura dei cinghiali.

Torna all'archivio