[12/08/2008] Energia

In Indonesia è tempo di austerity energetica ed idrica

LIVORNO. Il presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono ha voluto lanciare personalmente un movimento nazionale per il risparmio energetico ed idrico e lo ha fatto in grande stile, con un´adunata di 5 mila persone sulla spianata del Monumento Nazionale a Jakarta.

Susilo ha detto: «Sappiamo che il petrolio ed il carburante sono sempre più cari e che le sovvenzioni per l’elettricità sono sempre più elevate. Siamo di fronte a penuria di acqua in un certo numero di regioni e l´Indonesia è sempre classificata tra i Paesi che sprecano più energia e risorsa idrica».

Il presidente indonesiano ha annunciato che il governo centrale darà l´esempio, riducendo del 30% il suo consumo di energia, iniziando dal palazzo presidenziale e dagli uffici del governo, «che hanno già ridotto il loro consumo di energia del 31,7% nel maggio e giugno scorsi». Secondo Susilo Bambang Yudhoyono «con il prezzo del petrolio a 120 dollari americani, l´Indonesia deve essere capace di risparmiare dal 20% al 30% a livello di utilizzo di energia le sovvenzioni nel bilancio dello Stato potrebbero essere ridotte da circa 45 a 70 miliardi di rupie (tra 4,9 e 7,6 miliardi di dollari)».

Il presidente indonesiano è preoccupatissimo per la piega che sta prendendo il rifornimento energetico del suo Paese, patria dell´olio di palma, delle "bio-energie" da esportazione e della deforestazione (una delle cause della diminuzione della disponibilità di acqua) ed ha chiesto espressamente al gruppo di lavoro per il risparmio energetico ed idrico di lavorare duro e di produrre un rapporto ogni mese.

Torna all'archivio