[28/05/2008] Rifiuti

Reach: dall´1 giugno scatta la pre-registrazione

LIVORNO. Il Reach, il nuovo regolamento europeo per la registrazione, valutazione e autorizzazione delle sostanze chimiche che ridefinisce il contesto normativo comunitario in materia di sostanze chimiche, è arrivato al suo primo appuntamento: dall’1 giugno parte infatti la fase di pre-registrazione da parte delle imprese che si completerà entro dicembre 2008.

In questa fase le imprese hanno la possibilità di acquisire il diritto alla continuazione della produzione e/o importazione delle sostanze di proprio interesse, rinviando a un momento successivo la preparazione dei dossier e degli studi necessari per la futura registrazione. La pre-registrazione non obbliga da subito le aziende alla registrazione stessa né comporta alcun costo, ma è un passaggio fondamentale: chi non farà la preregistrazione perderà infatti immediatamente – cioè già dal 1° giugno di quest’anno - la possibilità di produrre e di importare quella sostanza chimica sul mercato.

Federchimica prevede che saranno circa 15.000–20.000 le pre-registrazioni che interesseranno società con sede legale in Italia e per garantire assistenza alle molte imprese che, a breve, dovranno entrare in diretto contatto con la nuova normativa, assieme ad Assolombarda hanno creato il centro Reach. Il Centro offre consulenza nella preparazione e redazione dei dossier sulle sostanze chimiche, coordinamento delle strutture idonee ad effettuare i test sulle sostanze e gestione dei consorzi d’impresa.

Il Reach, che rivisita oltre 40 legislazioni e che vede coinvolte, solo in Italia 2.000 imprese chimiche e oltre 100.000 imprese di trasformazione industriale, rappresenta una sfida complessa per molte aziende, in particolare per le Pmi, anche in termini di innovazione tecnologica. Infatti impone alle imprese che producono e importano sostanze chimiche di valutare i rischi per l’uomo e per l’ambiente derivanti dal loro uso e oltre ad adottare le misure necessarie per gestire eventuali ricadute negative, anche l’input per trovare nuove molecole che abbiano minore problematicità sia per l’ambiente sia per la salute.

Torna all'archivio